Ultima parte dell’intervista a p. Amorth

di Annalisa Colzi

EPSON DSC pictureLa Madonna di Medjugorje parla di un tempo di pace: che significato dargli? Che forse dopo tot anni da questo periodo di pace ci sarà un nuovo scatenamento del maligno?

No. Fin dal 1917 la Madonna, fin dall’inizio delle apparizioni di Fatima, da quando ha preannunciato anche i segreti (li ha solo preannunciati), ha preannunciato un periodo tremendo per l’umanità, dopo il quale ci sarebbe stato un periodo di pace. Però aveva dato anche i mezzi per evitare questo periodo tremendo: non si sono usati. Faccio colpa soprattutto a Giovanni XXIII (adesso verrà canonizzato, e va bene: uno può essere santo e aver fatto degli sbagli), a non avere consentito che nel 1960, come aveva chiesto la Madonna, venisse proclamato il terzo segreto, di cui ancora non conosciamo interamente il contenuto, perché ne è stata pubblicata solo una parte. È vero, e questo lo possiamo dire, che abbiamo passato e stiamo passando dei tempi tremendi in cui l’umanità si sarebbe già meritata il castigo di Dio, ma di quelli come ha detto la Madonna: “Alcune nazioni scompariranno”. Quindi castighi tremendi. Però noi vediamo questa insistenza della Madonna, da 33 anni, di formarsi un suo esercito di persone che recitano il Rosario quotidiano, che si consacrano a lei, che pregano, che si convertono. Questo esercito è un esercito in aumento, forse ancora troppo poco per evitare il castigo di Dio. Noi vediamo nell’Antico Testamento che il popolo si consacra a Dio, promette fedeltà a Jahvè, poi sempre lo tradisce e si dà all’idolatria, e il Signore manda i profeti per richiamare questo popolo, e i profeti sono sempre stati trattati male! Dio per un po’ ha pazienza e manda i profeti, poi manda il castigo. Lei pensi, ad esempio, il castigo di quando il popolo è stato portato in esilio a Babilonia: è stato distrutto il tempio, distrutta Gerusalemme, proprio distrutti, come il popolo. Accipicchia, fu una punizione, ma di quelle di seria A! Ecco, io mi aspetto che il Signore abbia pazienza, spero che aumenti sempre di più l’esercito della Madonna, ma per quanto sia in aumento e per quanti siano già i milioni di persone che hanno aderito a Medjugorje, anche magari senza esserci andati, che hanno formato gruppi di preghiera Medjugorje in tutto il mondo (sono venuti dalla Cina, dal Giappone…da tutto il mondo!), rispetto al numero di abitanti della Terra lontani da Dio, che combattono Dio, che non credono in Dio, nell’inferno, in Satana…è un numero ancora troppo piccolo. Comunque, non sono un profeta. Il futuro ci farà vedere quello che avverrà. Penso, questo sì, che per lo meno, questo esercito della Madonna, anche se insufficiente a evitare il castigo di Dio, sia sufficiente ad attenuarlo.

In un Rosario, dato che ci sono tante persone che devono lavorare, si può anche dire ad esempio una decina la mattina, un’altra decina dopo due ore, fino ad arrivare alla sera e aver completato le 50 Ave Maria, oppure bisogna dirlo tutto insieme?

No, si può anche separare, può anche essere detto a tratti, perché è bello che uno faccia uso dei ritagli di tempo! Non so, lei sta in un negozio e aspetta il suo turno per essere servita, o aspetta che arrivi l’autobus: può benissimo dirsi un mistero di Rosario! Può benissimo dirlo: può essere suddiviso.

La novena a Maria che scioglie i nodi è davvero così potente? Ne ha avuto riscontro nei suoi esorcismi?

Guardi, non ne ho avuta nessuna esperienza diretta. So che questo Papa è molto devoto alla preghiera che scioglie i nodi. Ad ogni modo tutti i titoli mariani (buoni) mi stanno bene, per cui li accetto tutti! Accetto anche questo titolo, anche se non ne ho nessuna esperienza diretta. Per me personalmente, ad esempio, il titolo che preferisco è “Cuore immacolato di Maria”, “Maria immacolata”. È il titolo che preferisco, è anche il dogma! Comunque sia, tutti i titoli mariani (ce ne sono centinaia e centinaia, o migliaia!) sono buoni, perché fanno pregare la Madonna.

Cosa ne pensa dell’opera di Maria Valtorta?

Maria Valtorta era senza dubbio una santa donna, che ha sofferto moltissimo, specie per colpa di sua madre, che ad esempio le aveva proibito la lettura della Bibbia. Gliel’ha consentita solo quando lei era già grande. Lei conosceva benissimo, la traduzione della Bibbia del Sales, che era la traduzione nostra, delle edizioni Paoline, quella che anch’io conoscevo meglio. La penso come una santa donna, una scrittrice nata, una che faceva un’interpretazione personale della Sacra Scrittura, basandosi, come principi, sulla Sacra Scrittura, ma inventando tante cose, e anche sbagliando su tante cose. Noti: lo considero un libro buono, un libro che fa del bene! Tante persone hanno detto di avere ricevuto del bene, di leggere molto volentieri i libri della Valtorta. Fanno bene, perché io li direi…una Bibbia romanzata. Se vuole che le dia l’esempio di uno sbaglio (perché è uno sbaglio molto diffuso), la Valtorta, che nelle sue pagine del Vangelo inserisce tanti personaggi che nel Vangelo non ci sono, e cade nell’errore in cui sono caduti anche i padri della Chiesa, di confondere insieme tre persone che nel Vangelo sono nettamente distinte: le chiamano le tre Marie, e anche questo è sbagliato. La peccatrice, di cui non sappiamo il nome, non sappiamo il posto, sappiamo solo il mestiere (faceva la prostituta), quella che unge i piedi di Gesù, che si pente davanti a Gesù, che si converte, e Gesù le dice “Va’, la tua fede ti ha salvato”, siccome unge i piedi di Gesù e li asciuga con i suoi capelli, la confondono e ne fanno un’unica persona con Maria, sorella di Lazzaro e di Marta, perché anche lei unge il capo di Gesù, ma non ha niente a che fare con questa prostituta. E in più la confondono con una terza persona: Maria Maddalena, tanto che molti pensano “Maria Maddalena era una prostituta”. Macché. Era una donna di danaro, di una certa età, che era stata colpita da un male molto duro e doloroso: sette demoni. Era posseduta da sette demoni. Non ne aveva nessuna colpa. Era una sofferenza enorme. Gesù la libera dai sette demoni, e allora lei è una di quelle signore che, insieme a qualche altra, segue Gesù durante la vita pubblica, e aiuta Gesù e gli apostoli con i quattrini. Ce lo dice chiaramente il Vangelo! Perchè l’uso di allora era questo: ognuno doveva guadagnarsi il pane col sudore della fronte. San Paolo ha quella frase famosa ai tessalonicesi “Chi non lavora, non mangi”. Ma quando uno si dedicava a  predicare la Bibbia, aveva diritto, lui e i suoi discepoli, a vivere di elemosina, a farsi mantenere. Non avevano bisogno di chi cucisse loro i vestiti, di chi facesse loro da mangiare: tutte cose che gli ebrei si facevano da soli. Avevano solo bisogno di soldi e di inviti. E questo le spiega anche come mai la Madonna, rimasta vedova e sola, non va al seguito di Gesù nella vita pubblica. Non le sembra che sia strano? È chiarissimo: perché era povera, non aveva da aiutare con danaro gli apostoli. Ecco che allora molti, anche la Valtorta, della prostituta, di Maria Maddalena (che viene solo guarita da Gesù dai sette demoni, segue Gesù, la vediamo ai piedi della croce, è la prima a cui Gesù appare risorto, quindi ha grande importanza, è anche la prima a cui Gesù dice “Vai a dire ai miei fratelli che sono risorto!”. È la prima volta che Gesù li chiama “fratelli”. Prima li chiamava “apostoli”, “discepoli”, poi “amici”, e poi “fratelli”) e di Maria, sorella di Marta e Lazzaro (una sacra donna, anche lei), tre figure nettamente distinte nel Vangelo, hanno fatto un’unica figura, e ne parlano come se fosse un’unica persona.

Si sente parlare spesso, dai complottisti, di “nuovo ordine mondiale”. Lei cosa ne pensa?

Per esempio, quando si è passati dal medioevo al rinascimento, si è passati ad un nuovo ordine mondiale. Ossia, il mondo è sempre in evoluzione, per cui si può passare benissimo a vari ordini mondiali. Non c’è dubbio che quando l’uomo era all’età della pietra, si trovava in un altro ordine rispetto a quello di adesso.

Se una madre incinta subisce un maleficio che le causa enormi turbamenti emotivi durante la gravidanza, può questo incidere sul bambino causandogli problemi o malattie mentali quando nascerà?

È possibile. Questa però è una domanda a cui può rispondere meglio un medico, perché si tratta di un problema di carattere medico, ed i mali da cui può essere colpito sono mali di carattere medico.

Cioè la possessione può causare problemi medici al bambino, ho capito. Cosa ne pensa di Gloria Polo?

Ottimo esempio di persona che è stata miracolata da Gesù. Lei, morta: “Signore, dammi ancora una possibilità!” e Gesù le ha dato questa possibilità di tornare a vivere per una vita completamente dedita a Lui. E quando lei ha detto a Gesù “Io la mia vita, la mia esperienza, quello che ho visto, lo proclamerò mille volte”, Gesù le ha detto: “Non mille volte, ma mille volte mille!” e Gloria Polo va in giro per il mondo annunciando questa sua esperienza straordinaria di essere stata all’inferno. Questa sua perversione da giovane e conversione al male, questo suo aver resistito fino all’ultimo momento per dannarsi…era già all’inferno, però il Signore le ha dato questa grazia, e va in giro per il mondo predicando la Verità.

Ha mai sentito parlare dl reiki? Yoga, meditazione…

Sì, sì, sì…

Aprono le porte al maligno?

Aprono le porte al maligno. Adesso c’è la mania di darsi a questi riti, in genere di origine orientale. Son proprio delle manie da combattere.

La possessione dei bambini è possibile? Anche se vivono in stato di grazia, può accadere che un bambino venga posseduto?

Può accadere, perché intendiamoci: la possessione non ha niente a che vedere con lo stato di grazia, sono due cose diverse. Ci sono anche tanti santi che sono stati posseduti. La possessione è un’altra cosa. Potrebbe anche essere causata dal peccato. Mettiamo uno che si consacra a Satana, uno che entra in sette sataniche: eh, perbacco, allora può essere posseduto dal demonio, e allora è peccato, perché è una possessione voluta, volontaria, colpevole. Possessione colpevole, uno che si è dato a Satana. Se no, quando non è colpevole, uno può essere un grande santo e avere la possessione diabolica.

Se in una casa vengono portati dei mobili, senza saperlo, dove sono stati fatti dei riti, mattiamo, 300 anni fa, può causare turbamento in chi vive lì, negatività, oppure no?

È possibile. È possibile, e quindi occorre esorcizzare, esorcizzare, e molte volte non basta esorcizzare, bisogna bruciare, distruggere. Io, qualche volta, a persone che abitavano in case, che avevano dei disturbi e con gli esorcismi non si riuscivano a guarire, a liberare, ho dovuto consigliare: cambiate casa. In genere però, con gli esorcismi, si riesce a liberare la casa, però gli esorcismi alle case sono lunghi e difficili.

Bene, grazie don Gabriele Amorth della sua bellissima disponibilità.

Domande del cameraman:

Quando c’è un caso di possessione, l’angelo custode, in quel momento, dove si trova?

Agisce, aiuta, sostiene, però non è sufficiente, perché il Signore permette anche questi casi, proprio perché ci si renda conto dell’esistenza del demonio, a cui molti non credono.

Anche io sono stato a Medjugorje e ho avuto la conversione a Medjugorje, e mi sono recato due o tre volte anche a Ostina, in provincia di Arezzo, non so se è al corrente, la veggente è Silvana, non so se la conosce.

Non sono al corrente, però anche in questi casi dico -perché ci sono tanti cosiddetti “veggenti”- : dai frutti si conosce la pianta. Questa è la regola fondamentale.

Annunci

9 thoughts on “Ultima parte dell’intervista a p. Amorth

  1. Padre Amorth sa bene che nell’antichità tutti i Cristiani facevano esorcismi, poi in base a decisioni arbitrarie, modus operandi che distingue da sempre il modo di imporsi della Chiesa Cattolica, hanno soppresso questa attività. Le dico cosa penso?

    Se esiste in noi quello di cui si parla in: Galati 2. 1Pietro 3:4. Romani 7:22 e in 2 Corinzi 7:16,
    noi tutti possiamo fare quello che Dice Gesù in: Matteo: 21:19 e in Giovanni 14:12.

    Io parlo e penso solo con la Bibbia, nessun “mediatore” e’ degno di mettersi in alcun modo tra me e il Signore. La conoscenza è un percorso verticale e personale con Dio. Riguardo alla solita condanna nei confronti di tutto cio’ che sa di Orientale e del fatto che viene puntualmente e sistematicamente tacciato di maligno, mi vien da sorridere, perché penso all eventualità che alcune di queste pratiche rivolte alla “nostra” Divinità interna, nel modo adatto, ci possano davvero avvicinare a Dio, che è Uno solo, per poter parlare con Lui come un figlio fa col proprio Padre.

    È evidente che in questo caso questa Chiesa non avrebbe più nessun motivo di esistere.

  2. SONO D’ACCORDO CON PADRE AMORTH, LA CERTEZZA E’ LA VERITA’ SONO IN GESU’ E MARIA, CHE NON SONO COSE ASTRATTE MA VERE, POICHE’ QUELLO CHE CHE E’ STATO SCRITTO NEI VANGELI E NEL VECCHIO TESTAMENTO E’ TUTTO VERO, PERCIO’ ABBANDONIAMOCI NELLE MANI DELLA NOSTRA CARA DOCISSIMA MADONNA, LEI E’ SEMPRE LI’ AD ASPETTARCI, PER PORTARCI DA SUO FIGLIO.
    BISOGNA SVEGLIARSI, GESU’ SI E’ FATTO CROCIFIGGERE PER IL GRANDE AMORE VERSO DI NOI, IL SUO CORPO ED IL SUO SANGUE HANNO REDENTO TUTTI I PECCATI DEL MONDO, ANCHE QUELLI NOSTRI. QUANTE GRAZIE HA CONCESSO LA MADONNA, QUANTE GRAZIE HA CONCESSO GESU’, TUTTO QUESTO PERCHE’? PERCHE DIO E’ AMORE, E’ CARITA’, E FEDE, E LE TROVIAMO QUANDO APRIAMO IL NOSTRO CUORE AL PADRE NOSTRO CHE E’ NEI CIELI.
    APRIAMO GLI OCCHI, SVEGLIAMOCI, E POI BASTA CON TUTTI QUESTI DUBBI, LA MADONNA ESISTE DAVVERO, QUINDI LASCIAMOCI CONDURRE DOVE LEI VUOLE, LEI NON CI ABBANDONERA’ MAI FINO ALLA FINE DEL MONDO.
    PACE E BENE A TUTTI, CLAUDIO.

  3. Il Mediatore c’è, ed è uno solo: Gesù Cristo.
    E Cristo ha fondato la Chiesa, e ne ha dato le Chiavi a Pietro.

    Ci si può illudere di compiere autonomamente un “percorso verticale”. Ma è solo illusione, appunto…

  4. Domanda: ma la Bibbia la leggete o lasciate che siano altri che la leggono e poi ve la spiegano? La pietra di Matteo 16:18, non è Pietro ma Gesù stesso. Si riferisce alla Sua confessione di fede.

    Lo stesso Pietro lo afferma in 1 Pietro 2:2-8, e Gesù lo ribadisce in Marco 12:1-11 e poi Atti 4:10-12 o in Efesini 2:20.

    Lo stesso Agostino : “Io edificherò la mia Chiesa su questa pietra? Su questa fede, su quello che è detto: Tu sei il Cristo, il Figlio di Dio vivente, sopra questa che tu hai confessato io edificherò la mia Chiesa. Imperrocche’ Cristo era la pietra”.

    E poi, proprio su Pietro doveva fondare la Sua Chiesa? Colui che lo tradì ben tre volte? Ma che belle fondamenta.

    Cominciate a ragionare con la vostra testa e con l’aiuto di Dio troverete la Via giusta.

  5. Passi che la frase “su questa pietra” possa essere interpretata in due modi differenti; però subito dopo Gesù dice: “a te darò le Chiavi del Regno dei Cieli, e quel che legherai in terra sarà legato anche nei Cieli”, e viceversa.

    Qui non è possibile travisare, a meno di non essere in malafede.

    Proprio su Pietro doveva fondare la Sua Chiesa?
    A quanto pare sì: [1 Cor]
    26 Considerate infatti la vostra chiamata, fratelli: non ci sono tra voi molti sapienti secondo la carne, non molti potenti, non molti nobili.
    27 Ma Dio ha scelto ciò che nel mondo è stolto per confondere i sapienti, Dio ha scelto ciò che nel mondo è debole per confondere i forti, 28 Dio ha scelto ciò che nel mondo è ignobile e disprezzato e ciò che è nulla per ridurre a nulla le cose che sono, 29 perché nessun uomo possa gloriarsi davanti a Dio.

    **
    [Is 55,8]
    Perché i Miei pensieri non sono i vostri pensieri,
    le vostre vie non sono le Mie vie – oracolo del Signore.

  6. Matteo 16

    13 Poi Gesù, giunto nei dintorni di Cesarea di Filippo, domandò ai suoi discepoli: «Chi dice la gente che sia il Figlio dell’uomo?» 14 Essi risposero: «Alcuni dicono Giovanni il battista; altri, Elia; altri, Geremia o uno dei profeti». 15 Ed egli disse loro: «E voi, chi dite che io sia?» 16 Simon Pietro rispose: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente».
    17 Gesù, replicando, disse: «Tu sei beato, Simone, figlio di Giona, perché non la carne e il sangue ti hanno rivelato questo, ma il Padre mio che è nei cieli. 18 E anch’io ti dico: tu sei Pietro, e su questa pietra edificherò la mia chiesa, e le porte dell’Ades non la potranno vincere. 19 Io ti darò le chiavi del regno dei cieli; tutto ciò che legherai in terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai in terra sarà sciolto nei cieli».

    ===========================================

    1 – La pietra al qual Gesù si riferisce è proprio Pietro. Non c’è nulla di interpretare (Gustavo) ne ci può essere un errore in termini.
    Gesù si riferisce a Pietro il quale, un attimo prima, ha fatto al sua dichiarazione di fede.

    2 – Gesù in un atto di piena libertà e autorità da il primato a Pietro. @manichaios tu avresti saputo fare di meglio?
    Vuoi criticare Cristo anche perché scelse Giuda tra i suoi discepoli? E tutti gli altri apostoli che scapparono?
    Visto che tu hai il filo diretto con Gesù, io una ramanzina al posto tuo Gliela farei.

    3 – @manichaios fra te e Dio non c’è nessun intermediario. Ti basi solo sulla scrittura… Scusami ma ste benedette scritture a te chi le ha date, Dio in persona?
    E, in oltre, perché allora citi Sant’Agostino? Hai lui per intermediario?

    Piccolo update
    4 – Sto appunto leggendo un documento sulle sfumature dell’ispirazione, mi rivolgo sempre a @manichaios: dici sempre che tra te e Dio non ci sono intermediari? Bene ti ho già chiesto se ti sei scelto i libri della tua bibbia da te (ergo ipotizzo non siano neanche quelli scelti dalla Chiesa Cattolica, quindi avrai un tuo canone). In più adesso mi/ti domando: questi libri, te li ha dettati direttamente Dio a te o vi sono stati altri?

  7. Io sono d’accordissimo che non c’è da interpretare (ho infatti scritto “passi”, proprio per questo motivo); ma, anche volendolo fare a tutti i costi (di fatto travisando il testo), le frasi successive di Gesù confermano che proprio A Pietro ha dato le Chiavi, e SU Pietro ha fondato la Sua Chiesa.

    Ottima la tua osservazione su Giuda. Del resto, dal punto di vista umano, il “morire in Croce” non è certo la strada della vittoria (umana).
    La Bibbia va letta sempre tenendo presente la Volontà di Dio, che spesso NON coincide con la nostra.

  8. Se fai passare qualcosa poi ne vorranno far passare delle altre. E proprio in quel punto c’è ben poco di cui passare 😉

  9. Non posso proprio darti torto, perché più il tempo passa, più si tende a negare persino l’evidenza (in ogni campo).
    Quella “forzatura”, del resto, è una delle prime cose che ogni protestante sottolinea; ovviamente, loro ne parlano come di “interpretazione corretta”.

I commenti sono chiusi.