Genitori addormentati

di Annalisa Colzi

locandina Convegno

Sono oramai diversi anni che giro l’Italia per tenere conferenze sull’azione del  maligno. Ore e ore per cercare di far capire con parole e esempi visivi la metodologia usata da satana in questi ultimi anni per portare i nostri giovani alla perdizione.

Devo dire che le persone presenti alla fine mi ringraziano ma ciò che mi crea dispiacere è di non vedere in queste conferenze la presenza dei genitori o comunque di vederne sempre un piccolo numero.

E allora mi chiedo se questi genitori hanno la più pallida idea di ciò che sta avvenendo nel mondo giovanile e mi chiedo anche se davvero sono interessati alla salvezza dei loro figli, sia spiritualmente che fisicamente.

Intanto mentre loro sonnecchiano c’è chi si dà un gran daffare. Leggiamo questo articolo dal titolo provocante ma che ben presto potrebbe divenire vero non solo a Basilea.

“MAMMA, ALL’ASILO CI HANNO INSEGNATO A TOCCARCI!”

Una frase scioccante, che mai vorremmo sentir uscire dalla bocca di un bimbo di quattro o cinque anni. Eppure, questa frase potrebbe ben presto essere pronunciata. Infatti, il Canton Basilea e alcuni comuni di Appenzello e San Gallo hanno deciso di introdurre nel proprio programma scolastico delle lezioni obbligatorie di educazione sessuale fin dalla scuola dell’infanzia. Gli insegnanti hanno a disposizione una “Sex-box” contenente tutta una serie di mezzi per meglio illustrare i concetti ai bambini: video ai limiti della pornografia, libri con immagini molto esplicite, peni di legno, vagine di peluche,… I bambini vengono incoraggiati a toccarsi e a scoprire che la sessualità e l’autoerotismo possono dare piacere. Uno dei libri utilizzati si intitola “Lisa und Jan” e contiene frasi e immagini molto esplicite, che lascio al lettore la briga di trovare in rete in quanto poco adatte ad essere inserite in un articolo. La Fondazione svizzera per la protezione dell’infanzia, autrice tra l’altro di un opuscolo per bambini da zero a sei anni in cui si invita a scoprire il gioco del dottore, all’autoerotismo e alla scoperta reciproca di ogni parte del corpo, considera questo libro adatto già per bambini di cinque anni!16- Kit Svizzera

Le lezioni di educazione sessuale introdotte dai cantoni di Basilea, Appenzello e San Gallo sono naturalmente obbligatorie: non vi è purtroppo alcuna possibilità per un genitore di dispensare il proprio figlio da questa “materia”. Questa brutta abitudine di delegare allo stato l’educazione di un figlio equivale a togliere ad un genitore la possibilità di discutere con lui di un determinato tipo di tematiche certamente importanti, ma che non vanno trattate già a quattro anni! Tematiche poi che sicuramente sono affrontate meglio e con più tranquillità in seno alla famiglia che non in una fredda aula scolastica, tra risatine dei bambini più scafati e imbarazzi dei più timidi.

Questa sessualizzazione precoce del bambino potrebbe prendere piede in tutta la Svizzera a partire dal 2014 mediante l’introduzione del Lehrplan 21 nella Svizzera tedesca, del Plan d’études romand in Romandia e dei Piani di studio del Ticino nel nostro cantone. Un gruppo di lavoro è attivo sulla tematica e l’introduzione delle lezioni di educazione sessuale obbligatorie fin dalla scuola dell’infanzia dovrà venire poi avallata dai direttori cantonali dell’educazione. La speranza è che essi si dimostrino responsabili e coscienziosi e non aderiscano a questo progetto.

Parallelamente a questo progetto, l’Ufficio federale della sanità pubblica ha fatto elaborare un documento dall’Alta scuola pedagogica di Lucerna che funge da filo conduttore per l’introduzione e lo svolgimento di corsi di educazione sessuale precoce nei cantoni. In tale documento, il bambino è equiparato a un vero e proprio essere sessuale (per info è possibile consultare il sito http://www.amorix.ch e scaricare dal menu “Principi” il documento in francese o tedesco “Educazione sessuale e scuola”, in particolare cap. 4.1).

Inoltre, dietro al paravento della prevenzione dell’AIDS, tramite l’introduzione della legge sulla prevenzione e sulla promozione della salute e tramite la revisione della legge sulle epidemie, la Confederazione sta creando le basi legali per i corsi di educazione sessuale obbligatori a partire dai quattro anni.

Contro queste proposte sono state raccolte quasi 92’000 firme tramite una petizione indirizzata alla Conferenza dei direttori cantonali dell’educazione.

Non vogliamo qui passare per moralisti; semplicemente riteniamo che vi sia un’età per ogni cosa. La prima e la seconda infanzia sono fatte per il gioco e il divertimento, per le storielle sulle api e i fiori, sui bambini nati sotto i cavoli o portati dalle cicogne. Se è vero che il mondo degli adulti è bombardato da stimoli sessuali in TV, sui giornali, al cinema o sui cartelloni pubblicitari, bisogna però avere ancora il coraggio di indignarsi e di porre un freno alla sessualizzazione precoce di un’età spensierata quale è l’infanzia.

Luca Paltenghi, segretario generale Giovani UDC Svizzera

http://www.ticinolibero.ch/?p=85348

Annunci

60 thoughts on “Genitori addormentati

  1. Luciano (lo scrivo per ricordarlo anche a me) con certe persone e’ meglio star semplicemente zitti.

  2. Salvatore,

    quando vorrai, sarò felice di farti la lista delle volte che sei stato offensivo, maleducato, o semplicemente aggressivo (hai fatto tutte e tre cose nei tuoi interventi su questo posting), e poi magari mi spiegherai come questi comportamenti si conciliano con il cristianesimo.

    A me sembra che tu continui a non voler capire che sulla terra ci sono miliardi di persone (per non dire la stragrande maggioranza del mondo) alle quali non gliene frega un bel niente delle parole di San Paolo o di quello che dice il Catechismo, e che magari hanno un altro credo, altri riferimenti morali e religiosi.

    Visto che con queste persone, incluso il sottoscritto, devi comunque dialogare e confrontarrti (non ha senso semplicemente ignorarsi e comunque non mi sembra quello che insegna Gesù) anzicchè semplicemente sbattere in faccia alla gente semplicemente le parole di Santo Tizio o Santo Caio, mi sembrerebbe molto più sensato (ed anche molto più CRISTIANO, ovvero caritatevole, ovvero produttivo, ovvero intelligente) usare dei termini che garantiscono il rispetto delle opinioni e delle scelte degli altri.

    Ognuno credo abbia diritto ad esprimere il proprio dissenso, ma siamo credo, tutti (cristiani e non) chiamati a farlo nel rispetto degli altri. E non importa cosa dice San Paolo (o Allah, o Buddha o Visnù). Perchè, come ho scritto, si può bemnissimo manifestare il proprio credo ed il proprio dissenso senza bisogno di chiamare la gente satanica e perversa. La tua lettura del Cristianesimo sembra l’applicazione di una serie di regole per montare un mobile (“inserire pezzo c nel pezzo d”) è una ripetizione meccanica di parole tirate fuori a caso dalla Bibbia, mancando completamente il messaggio principale del testo sacro (che è comunque un messaggio d’amore e di crescita).

    Se tu, per esprimere il tuo dissenso, anzicchè scegliere dei termini rispettosi (esempio….”la condotta di vita omosesuale è un peccato secondo le regole della mia religione”) tu pensi cheti sia lecito dirmi che la mia vita è ‘demoniaca’, semplicemente perchè lo dice San Paolo, non vedo per quale motivo io non possa allora riempirti di parolacce, se, il mio credo personale o colui o coloro che io scelgo come modelli di vita, mi autorizzano a fare ciò. Grazie.

  3. Si ci vuole la preghiera, ma ad un certo punto, I genitori, che speriamo non si addormentino sul serio, DEVONO fare come anche ha fatto Gesù, e se Gesù per molto meno, lo ha fatto nel Tempio, a maggior ragione, non sono forse i genitori, tenuti a farlo nelle scuole? Giovanni 2,15:

    “Fatta allora una sferza di cordicelle, scacciò tutti fuori del tempio con le pecore e i buoi; gettò a terra il denaro dei cambiavalute e ne rovesciò i banchi,”

    Prendere un’ascia e spaccare queste “candide sex-box”, ci vuole tanto? Se ai miei figli dovessero imporre a questa età, questa “materia”, senza che io possa oppormi, gli demolisco la scuola, altro che “sferza di cordicelle”!!!

  4. Allora smettiamo di parlare di omosessualità (chiodo fisso di tutti) e parliamo di altro, con le tue opinioni.
    Es E’ nato prima l’uovo o la gallina?
    LIRReverendo

  5. Accetto la tua procazione LIRReverendo.
    Per i cosiddetti laici e’ un enigma..
    Per me è nata prima la gallina… e tu sai bene il perché.
    Ti saluto “filibustiere” (spero si sia capito che lo dico con affetto)

  6. La cassa di rum la lasciamo agli “altri”, il tresette col morto lo giochino pure, meglio l’affettato da condividere insieme. Benvenuto nella ciurma, e prua verso la Vita eterna. Candidi come colombe, astuti come i serpenti, condanniamo il peccato e preghiamo da penitenti.
    Meglio Corsari che bucanieri, alziamo le vele e sgominiamo i filibustieri.
    Sempre con te LIRReverendo

  7. Semplice mio caro buon lamentoso Saverio, sei in un blog Cattolico.
    Vai a infastidire chi Cattolico non e’.
    Perche’ anche se ti citassi la non naturalita’ dei rapporti omosessuali basandomi sulla semplice logica naturale e la scienza metafisica, per te, sarebbe offenderti.

    Quindi vai via. Dai fastidio, non sei costruttivo. Sei solamente offensivo e bugiardo.
    Dove sarebbe scritto che tu puoi offendermi ed io dovrei lasciarti fare?
    Ecco, ritorniamo al buon vecchio medoto di cancellare tutto (ripeto TUTTO) quello che scrivi!

    Per i lettori del blog NESSUNO GLI RISPONDA O ANCHE I VOSTRI COMMENTI SARANNO CANCELLATI

  8. 365 x 20 = 7300 + 5 giorni per l’anno bisestile fanno 7305. Quindi sono 7305 persone a letto con Luca di Tolve in 20 anni. Se mi capiterà di vederlo glielo chiederò

I commenti sono chiusi.