L’Esercito di Maria da Papa Francesco

di Annalisa Colzi

IMG-20131013-WA0019Sono le 2.00 di notte del 13 ottobre 2013 quando il pullman parte puntuale alla volta di Roma, o meglio di San Pietro, gioiello architettonico incastonato tra le mura vaticane.

Siamo emozionati e consapevoli che di lì a poche ore ci sarà l’evento straordinario dell’affidamento del mondo intero al Cuore Immacolato di Maria da parte di Papa Francesco.

Il pullman corre veloce lungo l’autostrada mentre il silenzio lo avvolge. C’è chi dorme, chi medita, chi prega. Siamo sessanta provenienti da varie parti d’Italia: Albenga, Bologna, Firenze, Prato, Imola, Pistoia… e a breve incontreremo altri amici romani. Tutti animati da un’unico obiettivo: affidare il nostro cuore alla Vergine Maria e attraverso di Lei arrivare a Gesù.

Abbiamo scelto la Madre di Gesù come nostro Capitano, ed ecco perchè ci chiamiamo L’Esercito di Maria, consapevoli che con Lei arriveremo al porto sospirato: Il Paradiso. Il nostro è un Esercito che ha per armi solo la preghiera, i sacramenti, la vita di grazia.

L’Esercito di Maria prega perchè, come ci ricorda san Paolo: “La nostra battaglia infatti non è contro creature fatte di sangue e di carne, ma contro i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti” (Ef.6,12).

Ore 7.00 L’Esercito di Maria sbarca finalmente in una Piazza San Pietro già gremita. IMG-20131013-WA0000

Ore 9.30 La statua della Madonna di Fatima inizia il suo percorso tra i pellegrini. Vederla passare tra noi portata come una Regina, Lei che è la tutta umile, ci dà una gioia incontenibile. La guardiamo estasiati pensando che incastonata nella Corona vi è la pallottola estratta dal corpo del futuro santo Giovanni Paolo II.

Il passaggio della Madre di Dio provoca applausi e sicure richieste di aiuto che provengono dai cuori delle migliaia di persone lì presenti. Anche io chiedo alla Madre aiuto per il mio cammino spirituale e le affido tutte le persone che mi chiedono di pregare per loro.

Ore 10.00 Il Santo Rosario, recitato in latino, ci apre il cuore ad accogliere il Verbo di Dio.

Ore 10.30 Inizia la Santa Messa, fonte e culmine della vita spirituale. Papa Francesco, come sempre, ci sorprende per le sue parole semplici che arrivano direttamente al cuore. 

Oggi siamo di fronte ad una delle meraviglie del Signore: Maria! Una creatura umile e debole come noi, scelta per essere Madre di Dio, Madre del suo Creatore.

Proprio guardando a Maria, alla luce delle Letture che abbiamo ascoltato, vorrei riflettere con voi su tre realtà: prima, Dio ci sorprende; seconda, Dio ci chiede fedeltà; terza, Dio è la nostra forza.

 

E, come sempre, ci dà spunti concreti per vivere la parola del Signore nella vita quotidiana

Se noi possiamo capire che tutto è dono di Dio, quanta felicità nel nostro cuore! Tutto è suo dono. Lui è la nostra forza! Dire grazie è così facile, eppure così difficile! Quante volte ci diciamo grazie in famiglia? E’ una delle parole chiave della convivenza. “Permesso”, “scusa”, “grazie”: se in una famiglia si dicono queste tre parole, la famiglia va avanti. “Permesso”, “scusami”, “grazie”.

Ore 11.30 Papa Francesco con lo sguardo rivolto alla Madre di Dio le affida tutto il mondo.

IMG-20131013-WA0030ATTO DI AFFIDAMENTO A MARIA

Beata Maria Vergine di Fatima,
con rinnovata gratitudine per la tua presenza materna
uniamo la nostra voce a quella di tutte le generazioni
che ti dicono beata.

Celebriamo in te le grandi opere di Dio,
che mai si stanca di chinarsi con misericordia sull’umanità,
afflitta dal male e ferita dal peccato,
per guarirla e per salvarla.

Accogli con benevolenza di Madre
l’atto di affidamento che oggi facciamo con fiducia,
dinanzi a questa tua immagine a noi tanto cara.

Siamo certi che ognuno di noi è prezioso ai tuoi occhi
e che nulla ti è estraneo di tutto ciò che abita nei nostri cuori.

Ci lasciamo raggiungere dal tuo dolcissimo sguardo
e riceviamo la consolante carezza del tuo sorriso.

Custodisci la nostra vita fra le tue braccia:
benedici e rafforza ogni desiderio di bene;
ravviva e alimenta la fede;
sostieni e illumina la speranza;
suscita e anima la carità;
guida tutti noi nel cammino della santità.

Insegnaci il tuo stesso amore di predilezione
per i piccoli e i poveri,
per gli esclusi e i sofferenti,
per i peccatori e gli smarriti di cuore:
raduna tutti sotto la tua protezione
e tutti consegna al tuo diletto Figlio, il Signore nostro Gesù.

Amen.

 

ore 12.00 l’Angelus conclude la celebrazione ma non il nostro incontro con Papa Francesco che, dopo aver salutato i sacerdoti, sale sulla macchina e passa in mezzo a noi.

Grazie Padre Santo per l’amore che ci dona, grazie per il suo sorriso, grazie per la luce che la sua persona ci infonde perchè noi Esercito di Maria siamo consapevoli che lei ci rappresenta Gesù. Che il Signore la conservi a lungo fra noi.

Viva Maria e Viva il Santo Padre!

IMG-20131013-WA0007Jury dell’Esercito di Maria desidera condividere con voi, lettori del blog, le sue impressioni sulla giornata di ieri.

“Non ero partito con l’idea di andare a vedere la statua della Madonna di Fatima in piazza San Pietro. Certamente ero interessato a vederla, ero curioso ma niente più. Non ero in San Pietro per la statua. Eppure, nel momento in cui è passata davanti a me, ho provato una sensazione forte, indefinita che mi ha pervaso interamente. Ho percepito distintamente una forza immensa, magnetica, una sensazione inspiegabile di potenza. Vorrei che tutti voi la provaste perchè è impossibile da descrivere. Posso solo dire che mi sono sentito scosso e che ho sentito un brivido scorrere dalla testa ai piedi, tanto da smuovermi di qualche centimetro. Non me lo aspettavo proprio.

Non me lo aspettavo perchè non ero andato per la statua e neppure ero emozionato all’idea di vederla passare tra noi. Insomma… alla statua della Madonna di Fatima non davo nessuna importanza.

Ed invece… la Madonna ha pensato bene di scuotermi, e quella sensazione che è durata un attimo è stata la più forte che ho percepito nel corso della giornata.

La delicatezza e l’amore che ha Dio per noi è incredibile. Ti tocca e si manifesta dove meno te lo aspetti per farti sentire la Sua presenza. Non dove lo cerchi. Questo penso che avvenga raramente. E’ troppo scontato, è troppo facile dubitare quando una cosa te la aspetti. Dio invece ci aiuta sempre a non dubitare di Lui.

“Dio ci sorprende sempre” ci ha ricordato Papa Francesco nell’omelia. Ed è vero. A volte arriva  nel modo più inaspettato e imprevedibile. Si presenta nel migliore dei modi per te perchè tu possa percepirlo e non avere dubbi che le sensazioni che hai provato derivino da altro. Dio è chiaro con noi, noi di meno con noi stessi”.

 

Annunci

13 thoughts on “L’Esercito di Maria da Papa Francesco

  1. Pubblico uno scritto pervenutomi ieri dall’amica Sara

    “La giornata di ieri é stato per me un pezzo di Cielo sulla terra. Una grande grazia! La presenza di Maria era tangibile.Anche il cielo lodava Dio era azzurro., il sole era caldissimo e nel cuore la gioia. Il santo Padre nell omelia ha parlato di affidarsi a Dio, di fidarsi di Lui come Maria. Lei si e’ lasciata stupire si e’ fidata. Essere fedeli al Signore nella gioia e nel dolore come Maria., parlava al mio cuore cn queste parole. Sto sperimentando quanto dona pace amore e presenza viva di Dio il fidarsi di Lui, abbandonarsi in Lui. Ieri nn sono mancati momenti per me di lamentarmi e occadioni x perdere la gioia ma la parola’resta fedele’ a Dio é stata la mia forza. Ringrazio Dio padre e Maria cn Gesù e lo Spirito santo. Grazie Annalisa perché per me sei una preziosa presenza materna. Un abbraccio forte”.Sara Scandicci

  2. ciao fratellini a tutti, sono Federica di Bologna, domenica 13 ho sperimentato una cosa forte….che niente e nessuno ci potrà mai dividere dall’amore di Dio. ho sperimentato la presenza tangibile di Maria in mezzo a noi, è lei che ci ha scelti, voluti, e uniti nell’ESERCITO DI MARIA.
    Sono proprio fiera di fare parte dell’esercito, perchè veramente si sperimenta la condivisione, l’amore e la gioa di appartenere a una GRANDE FAMIGLIA, TUTTI PRONTI A SCATTARE QUANDO LA MAMMA CI CHIAMA…allora vi grido con GIOIA…..ALLELUIA….

  3. Maria Bonfante mi sa che non hai capito bene ciò che intendeva il Papa, magari ascolta meglio e capirai. Detto ciò eroi anche io presente. E’ stata una bellissima giornata. Non ho provato sensazioni particolari a parte la una forte commozione verso Papa francescxo, ma ogni volta mi fa lo stedsso effetto. La Mamma Celeste mi ha donato un’infinità di grazie di cui Le sono costantemente infinitamente grata e la ringrazio di avermi voluta salvare e di aver voluto salvare anche mio fratello. Sono certa che questa consacrazioni porterà frutti meraviglio. Fiera anche io di essere parte dell’esercito di Maria!

  4. Ciao! Sono Elisa da Bologna, vorrei testimoniarvi che anche per me è stata una enorme grazia esser stata domenica dal Papa. Ho capito sin da quando son stata invitata da Federica che dovevo andare ed infatti è stata un esperienza incredibile al di là delle mie aspettative. Ho subito sentito una grande sintonia con il gruppo di Annalisa da quando siamo arrivati in piazza e mi son sentita parte dell’esercito..l’amore di Maria verso noi suoi figlioli si è fatto sentire attraverso la Madonna di Fatima e Papa Francesco che alla fine della celebrazione c’è passato accanto ben due volte per salutarci! Infine, per tutta la giornata è stato un susseguirsi di grazie, tra cui la visita alla chiesa dove c’è l’immagine della madonna della medaglia miracolosa, suggerita da un’ amica!Grata dell’esperienza vi abbraccio!

  5. Che bella testimonianza, sicuramente Maria vi ha accarezzato in modo particolare, che bello! Grazie

  6. Maria mi ha fatto un grandissimo dono:ha chiamato in quella piazza i miei figli con la loro famiglia ascoltando il grido giornaliero del mio cuore.Grazie Mamma Santa ora che li hai presi sotto il tuo manto sono più tranquilla.

  7. mancavo solo io dell’Esercito di Maria ma da Torino mi è un pò difficile essere insieme a voi ma ci rivedremo sempre con Gesù e Maria…

I commenti sono chiusi.