Una Croce nel cielo

 di Chiara Amirante
1Croce_Medjugorje_da_Cittadella_Nuovi_Orizzonti

E’ il 15 agosto e molti sono andati in vacanza. Migliaia di persone provenienti da moltissimi paesi del mondo hanno scelto una meta alquanto insolita per il ferragosto: un paesino sperduto della Bosnia Erzegovina, Medjugorje.

Desiderano infatti festeggiare lì la festa di Maria Assunta in Cielo. Molti non sono al loro primo viaggio, sono voluti tornare a Medjugorje perché proprio lì è avvenuto qualcosa di inspiegabile a parole, che ha segnato in profondità il loro cuore e la loro vita.

 Arriva il momento dell’apparizione e tutti i pellegrini sono raccolti in preghiera. C’è chi è profondamente convinto che in quel momento la Madonna stia apparendo davvero ai veggenti e chi, più scettico, cerca di dare una spiegazione razionale al perché milioni di pellegrini da tutte le parti del mondo continuino ad affluire in questo paesino sperduto. Alcuni uniscono a un certo scetticismo una sana curiosità. Molti in fondo al cuore sperano di potere vedere in prima persona qualche segno che possa essere di conferma a un fenomeno così incredibile e controverso. Altri si domandano se sarà vero che la Regina del Cielo da 31 anni appare tutti i giorni a dei ragazzi (che ormai sono padri e madri di famiglia) che avrebbero avuto questo incredibile dono. Tante domande si affollano nella mente di molti: finisce tutto con la morte o davvero il Signore della creazione è venuto ad abitare in mezzo a noi e ha donato la sua vita per dischiuderci le porte del Paradiso? Esiste davvero Dio? Maria è la madre di un grande profeta o è la madre del Verbo di Dio? E’ possibile che lei venga a farci visita tutti i giorni tramite queste apparizioni e si renda visibile ai veggenti donando loro dei messaggi per il mondo intero? Se non è vero come hanno fatto a tenere in piedi una farsa così per più di trenta anni davanti a milioni di pellegrini passando il vaglio di sofisticate macchine scientifiche che hanno cercato di smascherare il presunto inganno? … Sono domande importanti che la vita frenetica a cui siamo abituati ci porta a rimuovere ma che in luoghi come Medjugorje riaffiorano prepotentemente.

2_Croce_cielo_Medjugorje_15_agosto_2012

Ed ecco che, proprio mentre c’è chi è ancora profondamente immerso in preghiera ringraziando il Cielo per l’immenso dono di Maria che poco prima è apparsa ai veggenti e c’è chi invece non crede affatto che la Regina della Pace sia davvero apparsa (anzi è assolutamente convinto che tutto ciò che è connesso a Medjugorje sia inquadrabile tra i fenomeni di suggestione di massa, di poveri illusi che hanno bisogno di credere in qualcosa) di punto in bianco avviene un qualcosa che lascia a bocca aperta credenti e non credenti, medjugorjani convinti e scettici. Molti pellegrini hanno gli occhi alzati verso il Cielo e d’improvviso vedono formarsi un’ immensa croce luminosa. E’ grande l’emozione e lo stupore di tutti! I più scettici iniziano a pensare che siano anche loro caduti vittima della suggestione collettiva e inizino a vedere qualcosa che di fatto non c’è, eppure tutti scattano foto e la croce nel cielo può essere documentata, chiara e nitida. Si cercano allora altre spiegazioni possibili. Saranno scie di aerei che casualmente hanno formato questa bellissima croce! Ma presto arrivano degli aerei che lasciano delle scie decisamente più piccole e che nel giro di pochi minuti scompaiono mentre la croce misteriosa continua ad essere nitida e visibile a tutti fino a quando il sole tramonta. Saranno allora semplicemente delle nubi! Ma subito un’altra domanda sorge spontanea perché queste nubi compaiono in un cielo terso proprio subito dopo l’apparizione e decidono di assumere questa insolita forma di croce restando immobili per più di un’ora? Normalmente le nubi dopo un po’ cambiano forma spostate dal vento. Allora si tratterà di scie chimiche?!… Ma anche per questa ipotesi ci si pone subito la stessa domanda: perché questa scia dovrebbe apparire proprio subito dopo l’apparizione e mantenere una forma così delineata e precisa di croce… inoltre molti tra i presenti, esperti di questo fenomeno, affermano con certezza di averne viste tante ma di non avere mai visto niente di simile…

Certo noi vogliamo sempre dare una spiegazione scientifica a tutto e questo è anche giusto ma forse, in alcune situazioni, faremmo bene ad accettare che la spiegazione più scientifica è proprio sapere ammettere che ci sono ancora tante cose a cui non siamo capaci di dare una spiegazione scientifica. Spesso “il cuore ha le sue ragioni che la ragione non può intendere” (Blaise Pascal). Inoltre che cosa potrebbe impedire al Creatore del Cielo e della Terra di avvalersi di fenomeni naturali per dare dei segni che rimandano ad altro?

Guardando la misteriosa croce comparsa nel cielo la maggior parte dei presenti esultano. Loro non hanno alcun dubbio: si tratta di un segno dal cielo. Anche i più scettici sembrano arrendersi a quella strana croce e accettare l’ipotesi che possa trattarsi di un segno. Pochi restano dell’idea che si tratti di qualche misterioso fenomeno naturale che per pura coincidenza si è realizzato proprio subito dopo l’apparizione disegnando questa immensa croce. Si tratta comunque di una croce che porta molti dei presenti e non (presto molte delle foto scattate dai presenti fanno il giro del web) a interrogarsi.

Non ho mai dato molta importanza ai ‘segni’ perché penso che ciò che conta è vivere il vangelo con tutto il cuore come la S.Madre Chiesa ci insegna e allora si contemplano i miracoli dell’Amore nella nostra vita. Devo ammettere comunque che quando ho visto le foto scattate da diversi punti di Medjugorje che alcuni amici lì presenti mi hanno subito inviato, sono rimasta decisamente colpita da questa immensa croce che sembra sovrastare la terra e devo dire che mi ha portato ad interrogarmi in profondità. Sono stata molte volte a Medjugorje e, a differenza di molti, non ho mai cercato segni e non ho mai visto il sole girare (fenomeno testimoniato da centinaia di migliaia di pellegrini). Sono piuttosto rimasta impressionata da migliaia e migliaia di giovani provenienti da tutto il mondo raccolti in ascolto e in preghiera per tutto il giorno sotto il sole cocente di agosto; dalle tantissime persone che sono arrivate a Medjugorje distrutte e disperate e finalmente hanno trovato la pace del cuore e hanno cambiato radicalmente vita; da altri (tra cui tanti ragazzi accolti nella comunità Nuovi Orizzonti) che hanno testimoniato delle guarigioni del cuore incredibili.

4_Croce_nel_Cielo_Medugorje

Riguardo a questa croce luminosa ognuno certo la interpreta come meglio crede, secondo la sua coscienza e le sue più profonde convinzioni. Penso comunque che sia giusto dare l’opportunità a molti, che tutti i giorni sono bombardati da terribili notizie, di sapere anche che un immensa croce è apparsa in cielo a Medjugorje. Io sono stata molto sorpresa, profondamente toccata da questa notizia e sono rimasta ‘contagiata’ dall’emozione che mi hanno trasmesso i tanti amici presenti a Medjugorje che hanno desiderato condividere con me ciò che avevano vissuto. Senza volere escludere nessuna delle possibili spiegazioni sul perché questa croce sia comparsa a Medjugorje proprio il giorno della festa dell’ assunzione di Maria in Cielo, subito dopo il momento dell’ apparizione, a me piace credere che, anche attraverso questa croce luminosa, la nostra Mamma Celeste abbia voluto ricordarci la sofferenza di tanti fratelli, che una grande croce sta sovrastando il nostro mondo… ma soprattutto quanto immensamente ci ama il Signore e che ogni croce, che spesso ci appare importabile per le nostre fragili spalle, può essere trasformata, grazie al suo amore, in un ponte verso il Cielo!

D’altra parte è questa la scoperta che ha cambiato la mia vita e quella di migliaia di ragazzi che hanno bussato alla porte della Comunità Nuovi Orizzonti con la morte nel cuore e ora percorrono le strade testimoniando con entusiasmo l’Amore di Dio e la Pienezza di Gioia che Cristo Risorto ci dona! Il Signore della Creazione ci ha amati fino al punto da dare la sua vita per noi, ha preso su di se ogni nostra croce ogni nostra sofferenza per trasformarla in amore per farne un misterioso ponte verso il cielo!

521981_10151035430867639_744059584_n

[Foto scattata a Brela (Croazia) il 15 agosto 2012. Brela dista circa 70 Km in linea d’aria da Medugorje. FONTE: clicca qui!]

http://www.nuoviorizzonti.org/index.php/it/extra/news/7-news-spiritualita/289-una-croce-nel-cielo-a-medjugorje

pellegrinaggio agosto 2013

Annunci

8 thoughts on “Una Croce nel cielo

  1. “A me piace credere che, anche attraverso questa croce luminosa, la nostra Mamma Celeste abbia voluto ricordarci la sofferenza di tanti fratelli, che una grande croce sta sovrastando il nostro mondo… ma soprattutto quanto immensamente ci ama il Signore e che ogni croce, che spesso ci appare importabile per le nostre fragili spalle, può essere trasformata, grazie al suo amore, in un ponte verso il Cielo!”

    Chiara Amirante

  2. Che bel ricordo e che emozione, c’ero anche io lo scorso anno e l’ho fotografata la croce nel cielo, proprio oggi pensavo a Medjugorje, mi spiace non poterci andare quest’anno,ma per il prossimo anno vorrei tanto tornarci con un gruppo di giovani al festival in agosto, se qualcuno può chiedo di pregare per questa mia intenzione, poi la Madonna ci metterà del suo sicuramente.

  3. Grazie per questo bellissimo articolo. Penso anch’io come Chiara che non bisogna dare molta importanza ai segni , però mi metto nelle condizioni di chi è a Medjugorje per cambiare, per trovare qualcosa ed ecco che arriva questo segno che serve a tutti per cambiare. Quanta gente con la tua croce Signore stai chiamando a vita nuova , grazie e grazie anche per Annalisa e per Chiara tue testimoni per evangelizzare questo povero mondo. Pensando a Fatima e al miracolo del sole, tra quelle 70.000 persone nello spianata di Cova de Jria quante avranno ricevuto uno stimolo per ritornare alla fede. Abbiamo ogni giorno una croce da portare, ognuno di noi ha la sua più o meno grande , ma tu Signore mandaci ancora di questi segni perchè possiamo stare sempre alla tua presenza. Un grazie a tutti

  4. Anch’io ero presente..stavo scendendo il monte Krisvaz..sono stata molto impressionata nel vederla..era il 15 agosto madonna Assunta,e speravo tanto che la Madonna mandasse un segno..e mi ha esaudito

  5. Ave Maria!
    In relazione ai segni “sovrannaturali” di Medjugorje vorrei accennare ad una cosa che mi mette i brividi ogni volta che ci penso, ovvero alla frase della Madonna quando parla del terzo segreto, del segno “visibile, tangibile, non di questa terra” eccetera, che comparirà sulla collina;
    . . . alcuni verranno, si inginocchieranno, ma NON CREDERANNO!
    Probabilmente proprio coloro che per decenni si sono armati della “mancanza della prova scientifica” per combattere Medjugorje, quando l’avranno in mano . . . NON CREDERANNO!
    Terribile! Dio abbia misericordia!
    Sia lodato Gesù Cristo . . . sempre sia lodato.

  6. Attenzione a semplificare. Chi si ritiene ” M. Hack” fino alla fine, rimarrà nell’incredulità, a meno di una Grazia riconosciuta e accolta.
    La gran parte saranno quelli che vanno anche a Med, ma fuorviati da tanti “segni”, la conversione non avverrà e non crederanno. Leggi bene le parole “si inginocchieranno”. Quindi presone di fede. Ma non crederanno.
    Cosa vuol dire credere? E’ un atto di fiducia verso Colui che è il Salvatore. Avere fiducia nei successori degli Apostoli, prima di tutto del Papa successore di Pietro. Credere di essere Chiesa in quanto battezzati e tutto opera a tal fine.
    Med si sta trasformando in un luogo di effetti speciali, e la crisi incomincia a farsi sentire. non per soldi, ma per fuorviante visione di pellegrinaggio.
    Mettiamoci in ascolto, in preghiera, in attesa fiduciosa e quando verrà il Segno, se saremo ancora in questa vita, dobbiamo essere pronti a lasciare tutto e correre a Med per mostrare a Dio e a tutti la nostra fede. Allora verranno crederanno e s’inginocchieranno per lodare Maria Santissima Madre della Chiesa e ringraziare Dio Padre del dono concesso.
    Sempre per te, con te LIRReverendo

I commenti sono chiusi.