Olanda: sentenza choc sulla pedofilia

 

2013-04-04 Radio Vaticana:

 

Don Di Noto: decisione disumana contro i diritti dell’infanzia

 

Sentenza choc in Olanda. La Corte d’appello di Leeuwarden, ribaltando la decisione di primo grado, ha stabilito che non può essere vietata l’attività di un’associazione che promuove la pedofilia.

 

pedofilia

 

Il comportamento pedofilo – si sostiene nella sentenza – è aberrante ma non può essere negato il “diritto”, così viene definito, di lanciare campagne per promuoverla. Su questa decisione, Amedeo Lomonaco ha raccolto il commento di don Fortunato Di Noto, fondatore dell’Associzione “Meter”, impegnata nella lotta contro la pedofilia:

 

R. – Questa sentenza va contro i diritti fondamentali dei bambini: contraddice totalmente i diritti dell’infanzia, soprattutto contraddice la Convenzione di Lanzarote. È un problema molto serio ed è certamente un fenomeno in evoluzione. In Olanda, il partito pedofilo olandese fu sciolto qualche anno fa, anche se aveva raccolto seimila firme da parte della popolazione olandese. Se è vero, come è vero, che la pedofilia è un fenomeno definito un crimine contro l’umanità, non credo che si possa giustificare il fatto che alcuni adulti possano favorire i comportamenti pedofili nei confronti dei bambini.

 

D. – I giudici hanno anche sentenziato che la società olandese è sufficientemente resistente per affrontare dichiarazioni indesiderabili, cioè si può sottoporre ad una società qualsiasi dichiarazione, tanto in quella società ci sono gli anticorpi. Una concezione proprio al di fuori di qualsiasi logica…

 

R. – Io mi chiedo una cosa: se io iniziassi a creare un sito razzista in cui io promuovo il razzismo, si pensa che le mie dichiarazioni non troverebbero immediatamente una risposta e forse, se ci fossero i presupposti, non mi metterebbero in galera? L’anticorpo non è il fatto di avere in una società la possibilità di reagire contro questo tipo di mentalità. Il problema è perché esiste questa mentalità. Stiamo parlando di cose veramente fuori da ogni logica e normalità. Stiamo parlando di una “promozione culturale” che va a colpire bambini da 0 a 12 anni, perché il pedofilo vuole i bambini da 0 a 12 anni. Dovreste leggere i dialoghi nei forum pedofili… I pedofili devono capire che loro sono dei soggetti disturbati e si stanno disturbando sempre di più, pensando che la pedofilia è un benessere per i bambini.

 

D. – Quali sono proprio le armi culturali per arginare questa piaga?

 

R. – Le armi culturali io le vedo innanzitutto in una società che metta al primo posto la realtà del bambino, il riconoscimento del bambino come soggetto di diritto che ha bisogno di una società che lo accompagni nella crescita psicologica, culturale e fisica. Sappiamo benissimo che le risorse, anche quelle economiche, vengono ridotte sempre di più nei campi dell’istruzione e della sanità. E’ normale che tutto questo contribuisce poi ad un vuoto sociale che ci porta evidentemente a far sì che questa pseudo cultura pedofila riempi i vuoti di una società che non dà possibilità ai bambini di crescere in maniera corretta, serena e matura, affinché possano diventare gli uomini del domani.

 

D. – Tornando alla sentenza della Corte d’appello olandese, che si inserisce anche all’interno di una società libertaria, potremmo dire che c’è anche l’intento, in questa decisione, di non porre limiti al libero arbitrio, anche quando questo si muove al di fuori dell’etica e della legge?

 

R. – Se noi pensiamo da una parte che una sentenza possa creare una giustificata normalizzazione, dall’altra parte l’umanità non si fonda su una sentenza ma sul buon senso e sull’esperienza stessa che l’umanità ha acquisito durante i secoli. Io credo che questa sentenza non debba essere commentata, ma debba essere veramente cancellata! Il problema è che non è possibile giustificare, normalizzare, un fenomeno devastante nei confronti dei bambini. Il comportamento pedofilo e anche la promozione della pedofilia sono comportamenti disumani, non umani.

 

D. – Fa anche effetto – oltre al fatto che la sentenza sia sconcertante – anche la mancanza di reazioni dure da parte della società. Un distacco, un’indifferenza, che diventa assordante…

 

R. – Come una società non reagisca nei confronti di queste sentenze o di questi fenomeni ci preoccupa tantissimo. La pedofilia culturale è un fenomeno esteso, trasversale, complesso: basti pensare alle migliaia e migliaia di siti di promozione di pedofilia culturale. La cosa che veramente fa paura, e fa paura seriamente, è che non c’è una reazione da parte della cosiddetta “intelligentsia culturale”, da parte della gente, da parte del mondo della politica. Non c’è assolutamente una reazione contro questo fenomeno! Certo, se si trattasse – perdonatemi se dico questo – di un caso giustamente da condannare di un prete pedofilo, di un vescovo coinvolto, la stampa mondiale avrebbe fatto i “titoloni” in prima pagina; di fronte a questo non c’è reazione e questo fa molta paura. Questo veramente fa emergere la grande ipocrisia del mondo culturale che non vuole – secondo il mio modesto parere – contrastare seriamente il fenomeno della pedofilia. La pedofilia è un crimine contro l’umanità, contro i bambini e non può essere in alcun modo giustificato, normalizzato e accettato, perché anche se ci sono pedofili che ritengono opportuno dire quello che dicono, loro sono “criminali”: non possono pensare di poter utilizzare i bambini secondo i loro scopi, secondo le loro finalità.

http://www.associazionemeter.org/index.php/informazione/la-nostra-missione/7-notizie/570-olanda-sentenza-choc-sulla-pedofilia

Annunci

18 thoughts on “Olanda: sentenza choc sulla pedofilia

  1. M come si fa a fare certe leggi senza riflettere? Ma questi personaggi non hanno figli?
    Quanta puzza di zolfo e di escrementi emanano queste cose!

  2. ABERRANTE……QUESTO MONDO MALATO STA’ SCIVOLANDO SEMPRE DI PIU’ VERSO L’ABISSO, CHE DIO CI AIUTI !!!!!!

  3. carissima Annalisa riguardo al punto del tuo articolo sulla SOCIETA’ LIBERTARIA proprio ieri sera in famiglia abbiamo visto il film UNA SETTIMANA DA DIO che molto simpaticamente e direttamente fa riflettere sulla questione del LIBERO ARBITRIO e del fatto che dire di SI a tutti i nostri desideri (non quelli di DIO) possa velocemente portare una società velocemente al collasso, alla violenza e alla mercè del PRINCIPE DELL’ INGANNO. La LIBERTA’ che Satana propone come sempre è un illusione ,la vera libertà è quella che DIO ci propone attraverso Gesù “conoscerete la Verità e la Verità vi renderà LIBERI ”
    PREGHIAMO TUTTI INSIEME PER I NEMICI DELLA LIBERTA’ E DELLA VERITA’ CHE SIAMO ANCHE NOI QUANDO NON SEGUIAMO PECCANDO GLI INSEGNAMENTI DI GESU’ E DIAMO FORZA E POTERE SEMPRE PIU’ A SATANA E AL SUO PROGETTO DI CORRUZZIONE DEL MONDO
    un abbraccio Nicola

  4. Che dire, sono talmente sconvolta per il mondo che mi circonda non riesco a connettere, dove sono finiti i valori?non si e salvato niente ed il peggio e che l’agente accetta tutto solo per seguire la moda, per non rimanere indietro. ben venga la purificazione,vieni presto Signore Gesù.Amen
    ..

  5. speriamo che DIO CHE E’ ONNIPOTENTE, ALZI AL PIU PRESTO la sua mano su di loro.

  6. Mi perdoni Albinia se da cattolica non mi sento di condividere l’augurio di una pronta terribile punizione per queste persone ma bensi l’intervento di Dio nei loro cuori e nelle loro menti:come potremo riflettere il Suo amore con questi pensieri?Pensa che li ami meno perchè sono cosi abominevoli?sono anch’essi figli suoi e da bun Padre quale è non oso pensare al dolore che gli trafigge il cuore!In questo mese,in particolare scaldiamo il Cuore di Gesù con tanti piccoli atti d’amore per la salvezza delle anime,TUTTE!

  7. Avete ragione entrambi; ricordiamoci però che dove termina la misericordia incomincia la giustizia.

  8. massima com-passione,indulgenza,preghiera e perdono per il PECCATORE,se pentito ,riconosce il suo errore e si ripromette di NON PECCARE PIU’.
    Ma ferma condanna e orrore per il PECCATO,che va rigettato senza buonismi e tolleranze, che possono risultare pericolose connivenze ,che non salvano nessuno . Gesù è l’unico modello ,se vogliamo vivere da cristiani cattolici.
    E basta rileggersi Marco 9,42 o Matteo

  9. scusate,stavo dicendo che Gesù ,nostro unico maestro da seguire nel nostro cammino, dmostra un’indicibile predilezione per i bambini, per i piccoli del regno .Ed è ricco di misericordia e amiore compassionevole ,pronto a donare vita,guarigione e salvezza a chi lo prega con fede ,così come è altrettanto fermo nel condannare chi scandalizza tali piccoli.

    “..E’ meglio per lui che gli sia legata al collo una pietra da mulino e sia gettato in mare…
    Guai al mondo per gli scandali.!! ..,guai all’uomo per mezzo del quale avviene lo scandalo..Se la tua mano o piede o occhio ti è di scandalo..taglialo e gettalo via da te,perchè è meglio per te entrare nella vita monco o zoppo,che essere gettato nella Geenna con due mani o due piedi o due occhi..” Luca 18,6

  10. Nessun buonismo,lo aborro,e ferma condanna per il peccato!Mi seguite?Ma desiderare che la condanna si abbatta sul peccatore non è una cosa santa;che sarebbe avvenuto di noi se fossimo stati abbattuti quando vivevamo allegramente nell’errore prima della conversione? Dico con Forza che dobbiamo sperare il ravvedimento,sperare e pregare,in caso contrario la giustizia Divina è certo che ci sarà,ma il buon Dio fino all’ultimo istante come per Giuda offre il Suo amore il dolce richiamo al pentimento….o no?Lui vorrebbe tutti i suoi figli in cielo o mi sbaglio?E se Lui vuole perchè non dovremo volerlo noi?In questo dovremo farci simili a Lui.Diversamente ,si tratta di umana giustizia!

  11. la giustizia divina ,non umana si è manifestata e si manifesterà sempre,quando ” il male è troppo grave “.
    Accadde ad esempio -tanto per stare in tema -che ” il grido di Sodoma e Gomorra,fu tanto grande, da attirarsi la distruzione con zolfo e fuoco provenienti dal Signore”.
    Lot viene però salvato dalla catastrofe: E non a caso..(cfr Genesi 19 e Sap.10 e seg 12″Dio punisce con indulgenza e longanimità, dando modo e tempo di liberarsi dalla malizia ,concedendo la conversione.”

  12. Questa e’ gente malata mentale!!!!! Questo cancro sociale non finirà mai!!! La giustizia terrena e’ annullata da questa sentenza. C’è rimasta solo la speranza della giustizia divina. Questo e’ davvero un crimine perché uccide l’anima del bambino/a….uccide letteralmente un innocente nel corpo e nell’anima.

  13. Signore,io non so perché succede,ma so cosa significa questa odiosa spirale della pedofilia,so quanto avvelena il cuore e l’anima di un bambino o di una bambina a cui strappano l’infanzia e l’innocenza.Non voglio giudicare nessuno,ma solo cercare di chiederti perdono per chi lo fa,per chi fa finta di non sapere,per chi fa di questo gioco crudele un’arma per soggiogare.
    Tu mio Dio,hai dovuto accettare la nostra ribellione,la nostra voglia di fuggire alle regole e per non perderci per sempre,per riportarci a casa,hai inviato il tuo figlio prediletto a pagare per noi.Ti chiedo,per il suo preziosissimo sangue di far tacere questi assassini perchè non facciano altri proseliti,e non facciano altre vittime,ma ti chiedo anche di perdonarli e di concedere alle vittime e alle loro famiglie il perdono per questi esseri senza ritegno,senza freni,che non riescono a sopprimere il male dentro di loro.
    Solo tu sai,solo tu puoi,ci affidiamo a te e alla Madonna ,perché tanto orrore venga cancellato e tante lacrime vengano asciugate.
    Solo tu si,solo tu puoi…amen.

  14. in forma diversa stiamo dicendo la stessa cosa.aggiungo anche che se dipendesse dal mio senso di “giustizia”(umana)io sarei feroce contro questi individui…ma mi fermo innanzi alla Sua pedagogia che come detto sopra da maranà-thà Dio punisce con indulgenza e longanimità,dando modo e tempo di liberarsi dalla malizia proponendo la conversione

  15. L’errore cui non si resiste viene approvato. La verità che non viene difesa è oppressa. (Papa Felice III – Santo).
    E’ ora di rimettere mano seriamente all’apologetica e soprattutto di essere uniti nella Verità, nella Carità e nell’Onore !!!
    Per Mariam ad Iesum.

  16. mi unisco alla preghiera di Lella e alla sofferenza di ogni vittima di qs crimine infame, ma chiedo che qualcuno ci dica come possiamo REAGIRE ,nelle forme e nei modi possibili ,alla SENTENZA olandese in oggetto.
    Se ne dia risalto e diffusione più ampia,perchè susciti una decisa condanna e orrore :NON possiamo Tacere !!

  17. Non possiamo e non dobbiamo da cristiani condannare, spetta al Signore farlo. Dobbiamo però prendere coscienza che certi pericoli esistono e vigilare sui nostri cari con la preghiera e con l’esempio. L’indignazione è umana e questo ci sgomenta parecchio, sforziamoci di vedere anche coloro che sbagliano come figli di Dio i quali accecati dal demonio hanno seguito un’altra strada. Ci resta un’unica forza: La preghiera per loro affinché lo Spirito Santo li illumini e possano ritrovare la strada giusta di Cristo Gesù. Buona giornata!

I commenti sono chiusi.