I manifestanti pro morte

<![endif]–>

LE CONTESTAZIONI AL COMITATO NO194 ED AL NUOVO REFERENDUM ABROGATIVO DELLA L. 194 IN MATERIA DI ABORTO : EVENTI CENSURATI IN QUANTO RITENUTI POLITICAMENTE NON CORRETTI

 Avv. Pietro Guerini – Presidente nazionale comitato e associazione NO194 

abortoSabato 4 Maggio all’esterno della Clinica Mangiagalli si è svolta l’iniziativa 12 ore di preghiera per la Vita  in riparazione all’aborto e all’eutanasia , indetta come ogni primo sabato dei mesi dispari all’esterno di sei ospedali dislocati in tutta Italia dall’associazione  e dal comitato “No 194” e dall’associazione “Ora et Labora in Difesa della Vita”.
Ricordo che il comitato NO194 ( www.no194.org ) , che presiedo e che conta oltre 15 000 aderenti , quasi tutti acquisiti in poco più di due anni e che rappresentano l’80% degli iscritti a gruppi pro life nazionali , ha come fine l’organizzazione di un nuovo referendum abrogativo della l. 194 , che ha legalizzato l’aborto in Italia nel 1978 , anno a partire dal quale nel nostro paese si sono registrate 6 milioni di interruzioni volontarie di gravidanza ufficiali .
In tale occasione abbiamo ricevuto la visita di un gruppo di femministe , integrate da 4-5 uomini , le quali , come già avvenuto il 2 marzo , hanno dato vita ad una contromanifestazione non autorizzata , durata oltre due ore , durante la quale costoro ci hanno sottratto una bandiera e altro materiale , distruggendoci numerosi cartelloni e immagini sacre ( una del Santo Giovanni Paolo II ) , minacciandoci (vi spacchiamo tutto) , insultando (bastardi, assassini, pedofili ) , bestemmiando , lanciando oggetti verso di noi , tra cui una bottiglia piena d’acqua e un accendino che hanno colpito dei nostri aderenti .
Le forze dell’ordine si sono limitate a riprendere i fatti ed a impedire che ci fosse uno scontro fisico tra i due gruppi .
Dopo più di due ore di schiamazzi  e disordini i contromanifestanti sono stati zittiti da una dipendente dell’ospedale pediatrico sito di fronte alla Mangiagalli , che ha rimproverato loro il disturbo che essi arrecavano ai bambini ivi ricoverati , venendo così scaricati dalla cosiddetta società civile .
Gli antagonisti , da anni assenti dalle manifestazioni pro life , hanno sin dall’inizio lamentato il nostro intento di abrogare la legge , un intento che ha ispirato la loro azione , che integra una molteplicità di reati e che sta all’origine della sistematica censura mediatica che il nostro comitato riceve , in quanto ritenuto promotore di un’iniziativa ritenuta politicamente non corretta , quindi contraria a una serie di (dis)valori che s’intendono preservare , che si traducono nel potere di vita e di morte della donna verso il proprio figlio , che essa esercita in modo totalmente libero nei primi 90 giorni di gravidanza e in misura quasi libera successivamente ai danni di concepite e concepiti .
Nessuna contestazione ricevono manifestazioni di area non abrogazioniste e dirette a limitarsi ad un generico pro life (a cui non si può contrapporre un pro dead , che potrebbe essere sostenuto solo da satanisti , non ancora organizzati al punto di promuovere proteste pubbliche ) meramente commerciale o iniziative che si traducono in inutili petizioni largamente minoritarie , con cui il popolo si rivolge cappello in mano ad organismi comunitari ultralaicizzati ed incompetenti a decidere sul diritto di aborto , con le quali si vorrebbero simbolicamente estendere al concepito prerogative che non possono minimamente incidere su tale diritto .
Il referendum , di contro , è un istituto di democrazia diretta ed a suffragio universale , con cui il popolo in modo del tutto autonomo ed autosufficiente può abrogare una normativa , in linea con il nostro obiettivo .
Di qui la necessità di sostenere la nostra battaglia , aderendo mediante il citato sito www.no194.org a concreto sostegno del diritto di nascita , basilare per l’essere più indifeso e presupposto per l’esercizio di ogni altro diritto .
La legalizzazione dell’aborto , che ha avuto la sua significativa primogenitura in URSS nel 1921 , rappresenta una contaminazione marxista-leninista nelle legislazioni degli stati liberali , operata dall’unica ideologia che nel tempo moderno ha negato ogni libertà , non solo politica , ma anche economica e religiosa .
Avv. Pietro Guerini – Presidente nazionale comitato e associazione NO194  

 02 Aprile Pell

Annunci

7 thoughts on “I manifestanti pro morte

  1. Scusate, io non mi ricordo se è stato fatto, oltre a nonitorare le varie leggi se tentano di fare “trucchetti” a favore dell’aborto, perchè non si indice un referendum dove la gente si esprime per abbolire l’aborto i Italia?

  2. Mi sembra che si stia facendo a livello europeo una petizione per una proposta di legge per garantire i diritti dell’embrione (per abolire la sperimentazione sugli embrioni)……..secondo me da qui si potrebbe accedere al diritto di vita dell’embrione stesso…………….

  3. ORRORE PURO!!! Non mi vengono altre parole. Dimostrazione di un odio ancestrale nei confronti della vita, nei confronti del Piano di Dio… la firma a favore di tutto ciò è charissima e inconfondibile!!! Signore Gesù perdonali perchè non sanno quello che fanno!!!

  4. si è proprio orrore puro, bisognerebbe che tutti leggessero la testimonianza di Gloria Polo riguardo all’aborto, per capire l’orrore di Dio per questo crimine… di cui anche noi paghiamo le conseguenze. e più che perdonali io mi sento di dire perdonaci perchè mi rendo conto che troppo poco faccio contro questo crimine peccando di omissione. spero che papa Francesco faccia qualcosa di più concreto contro l’aborto e che coinvolga non solo quegli eroici fratelli di milano aggrediti dalle femministe ma tutti i cattolici del mondo in una grande mobilitazione generale. cordiali saluti

  5. “…Sapete, il Signore mi ha mostrato nel Libro della Vita, quello che non vediamo con gli occhi della carne, quello che è successo quando il medico ha mi fatto l’aborto. Ho visto il medico con una specie di tenaglia, afferrare il bambino e ridurlo a pezzetti! Ed egli gridava, gridava con tanta forza! Basta che sia solo a un minuto dalla fecondazione è già un’anima adulta. …”

    Dalla testimonianza di Gloria Polo.

  6. Mi stavo chiedendo da un po di giorni dove sono finiti i vari contestatori e difendori dei diritti dell’uomo di esistere e di comportarsi come vuole , perchè non vedo commenti sulla questione principale della storia umana, la difesa della vita umana nel grembo materno. Sono già in ferie? in tal caso beati loro. Io purtroppo devo rimanere a casa, la crisi economica non mi permette di andarci (sara forse colpa di Berlusconi ?) . Speriamo che legga questo post così forse mi manda un po di soldi . Ironia a parte Siano sempre lodati Gesù e Maria.

I commenti sono chiusi.