Lo scopo della vita

cropped-gallery_4ab3dbcf7226a_dsc0028m

Tutti hanno uno scopo nella vita, tutti.
Chi punta sulla famiglia con figli, una bella casa, magari anche un cane, c’è chi invece punta sul lavoro, facendo della sua professionalità una strada per ottenere un pò di gloria, ancora chi si getta nello sport e chi invece si sfoga nel cibo e nella compagnia, chi ancora ha la necessità di circondarsi di donne/uomini per appagare i propri appetiti o per riversare l’amore che non sa a chi altri donare.
Sesso, soldi e successo.
Io, tolti i figli, credo d’aver provato tutto. Non lo dico certo per essere competitivo ma per dar lode a te o Dio, che mi hai tirato fuori dal mio abisso, e chiedere preghiere a chi legge.
Tutto nel mondo da una certa soddisfazione, piccola o grande, anche se dovesse durare 40 anni o 60 anni, rimane passeggera.
Oggi tutto è in crisi: la famiglia, i rapporti di coppia, l’amicizia, il lavoro, la natura si ribella a noi che per primi ci siamo ribellati a Dio, come già avvenuto in passato (Gm 2, 14-19).
Quelli che ti lodano domani si dimenticheranno di te, non così Dio, l’amore di e per Dio dura per sempre.
«la [nostra] vita passa come un fiorellino di primavera, che oggi è meraviglioso, ma domani non se ne trova traccia».
E allora cosa viviamo a fare?
Qual’è lo scopo reale, duraturo, gratuito a cui tutti sono chiamati?
E’ la santità.
«Voi dunque siate perfetti, come è perfetto il Padre vostro celeste.» (Mt 5, 48), la perfezione del Padre è la Santità. Una Santità che Cristo ci ha mostrato e ci comanda di vivere.
Una santità che crea un uomo nuovo, felice di vivere, che ha speranza, che loda Dio e aiuta il prossimo perchè in esso vede Dio stesso.
Questo è lo scopo nella vita, essere come Cristo.
Anche nella passione e nella morte.

Annunci

23 thoughts on “Lo scopo della vita

  1. San Giovanni Crisostomo afferma che “Dio ama ognuno quanto tutta
    l’umanità”. Di conseguenza, mio caro fratello, se tu fossi stato l’unico
    al mondo, il divino Redentore sarebbe venuto, avrebbe dato il suo sangue e
    la sua vita solo per te.
    da una meditazione di sant’Alfonso Maria De Liguori, (non è roba mia). perciò pensando a questo, come diventa più bello più facile più entusiasmante cercare la santita come tu ci inviti a fare, anche di fronte alle difficolta e al dolore. grazie per la meditazione e buona giornata

  2. Cio’ che ha scritto Salvatore,non ha bisogno di commenti,riflettiamo dentro di noi,per essere coerenti e perseveranti

  3. Luciano,ricordati questa sera a Modena c’è Enzo Bianchi,ne vale la pena è grande,io l’ho sentito ieri sera a Rivarolo Mantovano sul tema il “Dono”,ciao e buona giornata a tutti con tanta gioia nel cuore,che DIO benedica sempre il nostro cammino,lode al Glorioso nome di Gesu’.

  4. Grazie Mario, ho gradito molto il tuo cortese invito, ma ho dei problemi stasera, conosco da anni Enzo Bianchi ho letto molti suoi scritti e libri, sono in contatto via email con la sua comunità di Bose, mi inviano mensilmente i loro programmi, e scarico catechesi sia audio che scritte. quando non avrò più l’impegno di assistere mia madre li andò a trovare, magari ci possiamo andare insieme. ciao e buonagiornata

  5. Grazie Salvatore per questo tuo scritto.
    “chiedere preghiere a chi legge”
    Certamente pregherò per te, tu per favore fai altrettanto per me e la mia famiglia

  6. Non tutto quello che luccica è oro.
    Non sono il bastian contrario per natura, ma vigilante si. analizza senza le belle parole emozionanti e vai al centro del messaggio, indaga, non bere melissa che addormenta, analizza, confronta (vedi Mons. Rolando Rivi insigne teologo su Bianchi).
    In gioco c’è la Chiesa Cattolica, attenti ai teologismi e pauperismi conditi con ecumenismo.
    approfondiamo grazie, LIRReverendo

  7. ultimamente passo più tempo a pregare che a leggere, però vedrò di informarmi da chi ne sa più di me. grazie comunque, lirreverendo, per la segnalazione

  8. la santità….ci vorrebbe una catechesi per meglio far comprendere l’autentico valore di questo concetto.il mondo non lo comprende e rinuncia in partenza per ignoranza,almeno questa è la mia esperienza!quando parlo di “santità”vedo occhi al cielo o bocche arrotondate dallo stupore.sei superba mi dicono, come puoi pretendere di farti santa?é roba da Santi e cioè,da pochi!propongo una “catechesi globale”al caro Luciano faccio anch’io un invito sulla vigilanza:la comunità bose è riconosciuta canonicamente dal vescovo locale ma non è considerata un ordine religioso cattolico perchè composta anche da protestanti:ora,se io voglio fare una ottima frittata di patate ma ci infilo anche le carrube o un pò di trippa,potrò chiamarla “frittata di patate?diventerà un frittatone misto sopra il quale chiuderò gli occhi e avvolgerò le papille per indovinare gli ingredienti base.Quanta fatica in più,ammesso di non perdere la via o la portata….un abbraccio Luciano

  9. Grazie lirreverendo per i consigli che dai,tra un po di tempo smettero’ con la rete,tutti vanno in vacanza,del Rns,ma io voglio continuare anche con quache fratello di stare davanti al tabernacolo,la sera,come abbiamo gia’ fatto.IL mio numero di cellulare è 3287692267,se mi fate una chiamata, per essere registrato il numero,dopo vi chiamo io,che DIO vi benedica fratelli

  10. Belle parole… non è facile per tutti però, non sempre Dio si fa trovare, e non sempre è facile aprire il cuore. A me sembra che con troppa facilità si cerchi di far cambiare la gente o si dia per scontato che “basta pregare” per trovare la pace.
    Per chi ha la grazia di esser “illuminato” da Dio, di sicuro è diverso, ma chi cerca di trovarlo, cerca di pregare ma fa fatica a trovar pace in se nonostante continui a cercare di rafforzare la propria fede, non è così semplice.

  11. grazie Sonia per la premura che mi usi, vedi è già da un pò che seguo la comunità di Bose e sapevo dei legami con i protestanti, ortodossi e altre confessioni, Gesù ci invita a cercare il Padre con tutto il cuore, con tutta la MENTE, con tutta la volontà, in quella comunità si tengono seminari molto profondi e aperti a tutte le confessioni, io ritengo che se sono fatti in buona fede e con una SINCERA vontà di cercare DIO, siano una bella e buona cosa. purtroppo devo confessare la mia mediocre cultura e mi affido sempre a quello che mi ispira il cuore e al mio confessore che mi fa anche da guida spirituale. io non potrei parteciparvi perchè sinceramente a volte non arrivo a capire neanche le cose su cui discutono però mi ispirano fiducia per la loro serietà. Gesù rispose agli apostoli che volevano impedire ad uno che cacciava i demoni nel nome Suo ma che non era dei loro, ” lasciatelo fare “. ricambio l’abbraccio e cordiali saluti

  12. bene Luciano,hai un padre spirituale e questo è tranquilizzante.Ti ho visto su facebook,assomigli al mio papà che non è più tra noi…con affetto sonia!

  13. ho smesso da tempo di usare facebook, mi fa piacere che lei mi rassomigli al suo papa, che Gesù lo abbia in gloria. ma se non le dicevo di avere un padre spirituale, mi vien da pensare che lei mi considerava poco attendibile, se volesse dirmi cosa la turbava facendole perdere la tranquillità vedrei di correggermi. gradisco molto le critiche quando sono costruttive….

  14. Caro andrea il mio cammino di fede è partito con la beata vergine Maria…una sera stavo male…ho messo in discussione tutta la mia vita…ho pianto e ho iniziato a pregare l’ave Maria…a stento me la ricordavo….il giorno dopo la mia vita è cambiata…Maria mi ha preso x mano…mi ha guidato e ha fatto molti prodigi x me…quando gli chiedevo una cosa…lei me la concedeva sempre…e sempre oltre le aspettative…la preghiera è potente quando si usa il cuore…prega e chiedi….alla beata vergine Maria….ti ascolterà e magari dal tuo volto qualche lacrima calda scenderà…un abbraccio in cristo…….IL SENTIER DEL GIUSTO È COME LUCE SPLENDENTE CHE AVANZA E CRESCE SINO A GIORNO PERFETTO.

  15. ” io ritengo che se sono fatti in buona fede e con una SINCERA vontà di cercare DIO, siano una bella e buona cosa”

    Dici il giusto, ma… come si può essere in buona fede, quando si predicano cose contrarie al Magistero, e si continua su quella linea, imperterriti, nonostante numerosi richiami?

    Purtroppo, i “personaggi di spicco” come Enzo Bianchi godono di tanti sostenitori, fra cui l’ineffabile direttore di Avvenire, Marco Tarquinio (che non esita a profondere, in difesa del Bianchi, una dedizione e un impegno degni di miglior causa; non stupisce, poi, che quando si tratti di difendere i Valori non negoziabili, il Tarquinio diventi “magicamente” assente): del resto, come abbiamo detto più volte, la tentazione di costruirsi i propri catechismi personalizzati prende sempre più piede… e molti ne vengono sedotti, magari in buona fede, perché ignorano i fondamenti della retta Dottrina.

    http://www.lanuovabq.it/it/articoli-falsi-profeti-4816.htm

    http://lanuovabq.it/it/articoli-bianchi-livi-e-un-quotidiano-cattolico-4882.htm

    http://www.lanuovabq.it/it/articoli-solidariet-e-grazie-ad-antonio-livi-5147.htm

    http://www.lanuovabq.it/it/articoli-bianchi-livibotta-e-risposta-4969.htm

    http://www.lanuovabq.it/it/articoli-bianchi-esperto-del-papa-non–cos-5672.htm

  16. DOMANDATE E OTTERRETE:PICCHIATE E VI SARA APERTO…..FINORA NON DOMANDASTE MAI NULLA NEL MIO NOME:CHIEDETE E RICEVERETE,AFFINCHE SIA COMPIUTA LA VOSTRA ALLEGREZZA….ma poi nn è un piacere per noi il poter parlare col nostro Dio,indirizzarci al nostro buon Padre, e piangere e gemere alla sua presenza,ed essere da lui consolati?esaminate quale uso fate di questo gran mezzo di salute,e riconoscete che le vostre imperfezioni e miserie nascono forse dal nn adoperarlo siccome conviene.

  17. La fede non è mai cosa semplice, Andrea: la Chiesa ci insegna che, nel momento in cui noi crediamo di aver iniziato a cercare Dio, in realtà non stiamo facendo altro che rispondere a quella chiamata che lo Spirito Santo mette nel cuore di ogni uomo.

    Non esiste un momento in cui si possa dire: “ora sono arrivato”, perché fino alla morte corporale la battaglia è continua. Più o meno aspra, più o meno difficile, ma continua.

    Nel caso come quello da te descritto, molto sarebbe utile il supporto di un santo direttore spirituale: se non ce l’hai, dovresti cercarlo. Prega Dio anche a tale scopo.

    E ricordati sempre che molti grandi Santi hanno attraversato “periodi bui” (magistrale la dottrina di San Giovanni della Croce, su questo tema), in cui si sentivano completamente rifiutati da Dio… e hanno continuato a pregare, pur nell’aridità, proprio a motivo di quella fede che avevano nel cuore, e che continuavano a coltivare nonostante tutte le apparenze contrarie.

    Stai tranquillo: se davvero cerchi il Signore, Egli si lascerà trovare. Proprio perché è Lui che ti sta chiamando… e attende solo la tua risposta: una risposta che passa anche attraverso il sacrificio e la perseveranza. E qui, anche qui, sta il merito.

  18. grazie di cuore Gustavo, purtroppo come ho già detto io non ho una grande preparazione e cultura, ma molta ignoranza riguardo i vari precetti della chiesa, alla quale voglio essere fedele e obbediente, perciò non sono in grado di fare i vari discernimenti. vedrò di approfondire con l’aiuto di chi ne sa più di me e mi regolerò di conseguenza. grazie di nuovo e cordiali saluti

  19. Non è un una questione di fiducia caro Luciano,ma di prudenza,ritengo che ogni cattolico dovrebbe avere un padre spirituale che guidi la nostra vita interiore.Avrai visto anche in questo blog ,quante persone,anche ben intenzionate che incorrono nell’errore,o prendono strade secondarie ecc.Il padre spirituale ci preserva da questi rischi tutto qui.Io gli manifesto tutto,ti garantisco che spesso mi sarei ingannata su questo o quello,Dio lo benedica per avermelo dato,è per tale ragione che mi “tranqullizzo”quando so che nella vita di un fratello c’è un p.s.,non intendevo certo sminuire la tua persona che al contrario ammiro tanto!

  20. grazie di cuore Sonia, ammirami solo però per il grandissimo amore che ho per Gesù Cristo Figlio Di Dio, per il resto resteresti delusa. ciao buonagiornata e che Gesù e Maria ti siano vicino

I commenti sono chiusi.