Striscia la “falsa” notizia

Ho deciso di pubblicare la lettera che un caro amico ha scritto dopo aver visto la trasmissione, o meglio le varie puntate, in cui Striscia la Notizia ha parlato del caso Medjugorje.

Personalmente non mi sorprendo di questo attacco conoscendo i meccanismi televisivi, ma spero che almeno qualcuno cominci ad aprire gli occhi sul potere televisivo, intento solo a far passare i messaggi che più gli aggradano.

Marco aveva postato questa lettera anche su fb e in molti l’avevano condivisa ma… puff… improvvisamente gli è stata tolta e bloccato l’account. Probabilmente molti anti-medjugorjani lo avevano segnalato. Che dire? C’est la vie!

di Marco Lo Bracco

Pistoia, 21 maggio 2013

Spett.le redazione di
“Striscia la Notizia”

960044_654573671224739_1796773438_nVi scrivo in merito alla trasmissione di ieri sera lunedì 20 Maggio, in riferimento al servizio sulle presunte apparizioni di Medjugorje: innanzitutto non sono ne presunte ne improbalbili, mi spiego meglio, tutto è rinviato alla dichiarazione di Zara dei vescovi della ex Jugoslavia del 10 aprile 1991, che lascia la porta aperta a future indagini. La verifica deve, perciò, andare avanti. Nel frattempo sono permessi i pellegrinaggi organizzati da privati dove si raccomanda l’ accompagnamento pastorale dei fedeli. Infine, tutti i pellegrini cattolici possono recarsi a Medjugorje, luogo di culto mariano dove è possibile esprimersi con tutte le forme devozionali.
Ma veniamo al motivo di questa mia lettera, da un accurata ricerca fatta sul web mi risulta che il signor Don?!? Pierdamiani Maria, indicato da voi come esperto, non è un prete ne un diacono quindi non insignibile della parola Don, sul suo profilo Facebook c’è scritto che e’ sposato ed è iscritto al gruppo aperto LIBERTARI ANTICLERICALI, quindi non in grado di giudicare la veridicità dei fatti inerenti Medjugorje, il dire pubblicamente che tutto e’ falso (o vero) può essere solo espressione di opinione personale ma MAI A NOME DELLA CHIESA, la quale ha istituito un ‘ apposita commissione presieduta dal Cardinal Ruini che si sta occupando del caso, quindi, prima di interpellare dubbi personaggi rivolgetevi a fonti e persone ufficiali.
Non è che percaso il Sig. Pierdamiani con questo intervento ha raccolto pubblicità per la vendita del suo libro Adversus?
Io sono solo uno dei tanti al servizio del Signore che da anni aiuta le persone ad andare a Medugorje avvalendosi dell’ accompagnamento pastorale di Sacerdoti e Religiosi. Chi conosce quel luogo non cerca segni perché il miracolo più evidente e’ quello delle migliaia di persone più o meno comuni che li’ cambiano vita, trovano pace e tornano alla fede. Controllate sul sito ufficiale del parrocchia (medugorje.hr) le statistiche dei numeri dei Sacerdoti che celebrano e confessano, ed il numero impressionante di Sante Comunioni distribuite.
Controllate nomi e cognomi di Vescovi e Cardinali che si sono recati a Medjugorje, tra cui il Papabile Christoph Schonborn Arcivescovo di Vienna.
Sulla base delle notizie di cui sopra, e visto la vostra sbandierata imparzialita’ dei fatti,
Vi chiedo pertanto di rettificare o quantomeno precisare i seguenti punti:

– Posizione Ufficiale della Chiesa
– referenze del Sig Pierdamiani

Distinti Saluti
Marco Lo Bracco

Bologna Federica

Annunci

53 thoughts on “Striscia la “falsa” notizia

  1. ipocrita! dovresti vergognarti!
    nel 2013 credere alle apparizioni della madonna.
    non riesco a concepirlo.
    mi stupisco anche di striscia, che parla di queste cose demenziali.
    sarete di quelle persone che credono ad ogni cosa che si dice.
    girati, c’ è il big foot che ti sta attaccando!
    cosa tocca sentire alle mie povere orecchie, nel 2013…

  2. Attenzione però che la chiesa non ha lasciato la libertà di credere alle presunte apparizioni! Se si leggono bene i documenti ufficiali ( che mi pare qui siano riportati solo parzialmente) è evidente il giudizio di :”non constat”, cioè che i pellegrinaggi sono permessi perché lì c’è una parrocchia cattolica (dedicata a S. Giacomo, e non alla Beata Vergine) e quindi ,come in tutte le chiese cattoliche del mondo, c’è la possibilità di partecipare ai relativi riti. Ma a prescindere dalle presunte apparizioni, che per ora sono condannate dai vescovi locali (come non autentiche) e non avvallate dalla Santa Sede (anche se non in maniera definitiva, per ora). Insomma, la Chiesa si è pronunciata proibendo di considerare autentiche le “apparizioni” fino a nuovi sviluppi.

I commenti sono chiusi.