Un teologo, un vescovo e la massoneria

popefrancis2

I falsi “messaggi da gesù cristo” hanno come strenuo difensore il Dr. Kelly Bowring. Definito teologo cattolico, dice le stesse castronerie di tanti altri teologi, o che si definiscono tali, anche nostrani.
Vorrei informare i lettori che non basta definirsi teologo, questo lo può fare anche il mio gatto (che non ho), ma occorre stringersi attorno al Magistero (l’ho già detto e ridetto).

Non basta mostrare di essersi laureati alla Pontificia Università di San Tommaso d’Aquino (tutto da dimostrare), ma occorre seguire il Catechismo e visto che ci siamo la Sacra Scrittura.

Senza queste basi, si possono tenere anche corsi nelle scuole di teologia, ma vivere nell’ignoranza dottrinale.

A questo punto sento già le voci di protesta: “Annalisa, ma chi ti credi di essere? Tu che non hai neppure un titolo di studio?”.

E’ vero, io non ho un titolo di studio ma cerco di vivere ciò che la Chiesa, come Corpo di Cristo, ci chiede. La vivrò malamente ma le basi le conosco, a differenza del “famoso” teologo (tutto da dimostrare perchè, amici cari, non basta internet per dare la certezza della verità) che spara sentenze a caso.

Il “famoso” teologo scrive:

Non ho rilevato che i suoi messaggi contraddicano alcuna dottrina, o che contengano un errore effettivo.

Basterebbe fermarsi sull’idea del millenarismo per ritenerli non provenienti da Dio.
Poi fa tutto un panegirico sul fatto che se un Papa o un Vescovo dicesse delle eresie non sarebbe da ritenersi più valido. Giusto. Quindi, conclude:

E’ possibile considerare la possibilità che un “antipapa” potrebbe potenzialmente venire da un conclave valido e che questo non costituisca un falso o una posizione “eretica”. Così, è effettivamente possibile rimanere fedeli al Magistero e considerare che i messaggi di MDM verosimilmente potrebbero essere autentici, e che il Papa sia il falso profeta… e persino che la stessa Chiesa afferma che questo è, in fin dei conti, possibile.

E con queste parole insinua il dubbio terribile che Papa Francesco potrebbe davvero essere il falso Papa.

Ma leggiamo cosa dicono i santi, che forse è meglio. Le seguenti citazioni le ho prese dal sito:  http://www.amicidomenicani.it/index.php

Sant’Ambrogio “Ubi Petrus ibi Ecclesia” (dove c’è Pietro lì c’è la Chiesa).

San Cipriano, il quale scrive: “Come Dio è uno e uno è Cristo, così c’è una sola Chiesa e una sola cattedra fondata su Pietro dal Signore” (una Ecclesia et cathedra una super Petrum Domini voce fondata, Epistula 43).

S. Agostino scrive che “nella Chiesa romana il primato della cattedra apostolica è sempre esistito” (in qua semper apostolicae cathedrae viguit principatus, Ep. 43,7).
Afferma anche che la Chiesa di Roma possiede la massima autorità (culmen auctoritatis obtinuit) e che rifiutarle il primo
posto sarebbe la più grande empietà o una arroganza che si distrugge da sè” (De util. cred. 17,35).
È sua l’affermazione: “Roma locuta est, causa finita est” (Roma ha parlato, la discussione è finita).

Detto questo passiamo ad un’altra notizia degna di rilievo: Un Vescovo finalmente si è pronunciato contro questi messaggi.

E’ Mons. Stefan Secka dalla Repubblica Slovacca.

CURIA DIOECESANA
Mons. ThDr. Štefan Sečka, PhD.
spišský diecézny biskup
Spišská Kapitula 9
053 04 Spišské Podhradie
Spišské Podhradie 15.11.2012

Prot. č. 2659/12/M


Parere sulla diffusione dei presunti messaggi di avvertimento da parte di Gesù Cristo.

Carissimi fratelli, ho visto che in Internet si sta diffondendo il presunto grande avvertimento di Gesù Cristo. Pertanto, al fine di proteggere la purezza della fede e dell’obbligo di opporsi alla diffusione di tali illusori messaggi, è necessario leggere questo annuncio ai fedeli.

Cari fratelli e sorelle!

Ho imparato che in alcune parrocchie sono molto diffusi i messaggi circa i cosiddetti giorni di avviso, derivanti dalla presunta rivelazione privata di una visionaria irlandese. Questi messaggi vengono distribuiti via Internet. Ho trovato che è una dottrina falsa, non in conformità con gli insegnamenti della Chiesa cattolica e mostra segni di settarismo. Questa teoria è tutta protesa alla misericordia di Dio e all’incitamento alla preghiera e alla confessione, come insegna la Chiesa cattolica, tuttavia, alcune citazioni dalle sacre scritture sono commentate e organizzate arbitrariamente e contrarie agli insegnamenti della Chiesa cattolica. Queste tendenze si avevano già nella Chiesa primitiva, St. Peter l’apostolo scrive: “Nessuna scrittura profetica va soggetta a privata spiegazione” (2PT 1, 20).

Dopo aver visto questo sito, ho anche scoperto che i fedeli sono incoraggiati ad ottenere “il sigillo del Dio vivente”, e a farselo benedire da un sacerdote. Vi ricordo che nessun sacerdote della Chiesa deve collaborare in questa materia. Trasgredirebbe il suo ufficio, la sua fede e il suo lavoro.

Per chi sta diffondendo questi falsi messaggi applicate le severe parole della Sacra Scrittura dove l’apostolo Paolo dice ai Galati: “Mi meraviglio che così in fretta da colui che vi ha chiamati con la grazia di Cristo passiate ad un altro vangelo. In realtà, però, non ce n’è un altro; solo che vi sono alcuni che vi turbano e vogliono sovvertire il vangelo di Cristo. Orbene, se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anàtema! L’abbiamo già detto e ora lo ripeto: se qualcuno vi predica un vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anàtema!” (Gal 1, 6-9).

 Mi rivolgo a tutti i fedeli che sono venuti a conoscenza di questi messaggi. Allontanatevi da essi, non seguitene gli insegnamenti eretici e non li diffondete.

Sono stato costretto a richiamare l’attenzione su questa questione nell’interesse della purezza della fede cattolica, obbedienza e unità con il Santo Padre per la salvezza delle anime.

Dedicato al Signore

Il documento in lingua originale lo trovate a questo link:
http://dieceza.kapitula.sk/userfiles/file/Pe%C4%8Da%C5%A5%20%C5%BEiv%C3%A9ho%20Boha_stanovisko.pdf

Infine, un amico ha scoperto una cosa molto interessante: Il sigillo raffigurato sulla copertina del libro della vita sembra che sia un simbolo massonico. Infatti se ingrandite l’immagine scoprirete che vi è una corona e una spada.Sigillo

Un simbolo massonico dalle apparenze cristiane è la Croce insieme alla Corona. Tuttavia, non è sempre il caso di questo fregio. L’Autore massonico Ray V. Denslow scrive: «Si può dire che la Croce insieme alla Corona sia un simbolo confinato quasi esclusivamente ai Gradi storici della Massoneria come esemplificato nei vari ordini cavallereschi di York e nei Riti Scozzesi. In Gaul troviamo che la Croce è stato un simbolo solare quando aveva braccia ed angoli uguali; presso i fenici era uno strumento usato per offrire sacrifici al loro dio, Baal; e per gli egizi la Croce ansata era il simbolo della vita eterna».

http://www.centrosangiorgio.com/occultismo/simboli/pagine_simboli/croce_e_corona.htm

 

Annunci

122 thoughts on “Un teologo, un vescovo e la massoneria

  1. La cometa ISON che passerà a novembre di quest’anno è stata scoperta a settembre 2012 (cerca su wikipedia!!!). Il messaggio delle comete che si scontrano è del 2011…

  2. annalisacolzi è una povera fanatica e quando si accorgerà (spero) chi sarà il falso profeta quanto tutte le profezie di Gesù si riveleranno si butterà a terra in ginocchio e si strapperà tutti i capelli!!!

  3. Infatti s’è visto, quanto siano valide, le cosiddette “profezie” di cui parli… ma NON cedete neppure di fronte all’evidenza: e addirittura date dei “fanatici” agli altri…

    Il bue che dice cornuto all’asino…

  4. Cara Annalisa, è giusto che il Vescovo Mons. ThDr. Štefan Sečka si sia mosso contro ciò che ritiene fuorviante alla Verità.

    Ma i Vescovi rappresentano la Chiesa?

    Se si, perchè allora non ascoltare anche monsignor Zanic, ottimo vescovo di Mostar, quando disse di ritenere Medugorje “La più grande truffa nella storia della Chiesa”?
    O mons. Peric (che conosce molto bene i fatti là avvenuti), quando dice “constat de non supernaturalitate”? Forse che le loro voci non rappresentano la Chiesa alla pari di Mons. Sečka?

  5. C’è una “lievissima” differenza: nel caso medjugorjano i Messaggi di Maria NON contengono errori dogmatici e/o dottrinali…

    Se NON vi sono errori, allora il fenomeno è attendibile: potrebbe essere di origine soprannaturale. Vescovo o non Vescovo.

    Se vi sono errori, allora sicuramente non viene da Dio. Questo è appunto il caso in esame. Vescovo o non Vescovo.

  6. Ho già risposto io su questo quesito. Teologicamente parlando, i Vescovi non rappresentano la Chiesa ma, quando consigliano il proprio gregge (proprio si intede quello a loro affidato) bisognerebbe ascoltarli sennò si compiono atti di temerari.

    Detto questo, la differenza sostanziale tra monsignor Zanic e Sečka è che l’uno ha detto che “constat de non supernaturalitate” ovvero ad oggi si preserva di dare un giudizio, in più lui stesso ha detto che è un suo parere personale.
    Invece Sečka, scrivendo una lettera pastorale, ha scritto che questi messaggi non sono per nulla reali anzi mette in guardia dall’ascoltarli.

    La voce della chiesa si ha quando tutti vescovi, in maniera diacronica o sincronica, insegnano ma devono sempre essere in comunione con il papa. Se non lo sono il loro insegnamento non è quello della chiesa.

  7. Ringrazio gli amici Gustavo e Salvatore per le loro precisazioni.

    Nel merito vorrei però umilmente suggerirvi di leggere i documenti della Chiesa per quanto riguarda le NORME PER PROCEDERE NEL DISCERNIMENTO DI PRESUNTE APPARIZIONI E RIVELAZIONI: “constat de supernaturalitate, non constat de supernaturalitate”. Punto.

    Io ho riportato, di Mons. Peric, un’altra cosa: “constat DE NON SUPERNATURALITATE”, cioè la sua convinzione è che lì c’è il demonio. E anch’io sono pervenuta allo stesso risultato.

    Gustavo, non è affatto vero che basta che nei ‘messaggi di Maria’ (o Marija? O di qualcuno preparato in teologia?), non ci siano errori -e ce ne sono, eccome!- per essere credibile il fenomeno. Ma dove sta scritto?

    La disobbedienza alla Chiesa da parte dei ‘veggenti’ e di chi li sostiene, poi, è una delle prove fortemente negative. Insieme alla loro condotta in generale, ovviamente.
    Parola della Sacra Congregazione per la Dottrina della Fede. Vescovo compreso.

  8. Ciao Maria,

    constat DE NON SUPERNATURALITATE, non significa che c’e’ il demonio. Significa che allo stato attuale la Chiesa non puo’ esprimersi sui fatti.

  9. Salvatore, ‘Constat de non supernaturalitate’ significa: è certo che non si tratta di apparizione soprannaturale (mons. Peric); ossia: l’apparizione è condannata.
    Il senso: se è condannata, se non viene dal Cielo, da chi viene?

    Un’altra domanda: quando la ‘Madonna’ mandò a dire al Vescovo Zanic “se non si converte lo raggiungerà il mio giudizio…” chi era a parlare?

  10. Ripeto, “Constat de non supernaturalitate” è anche una sospenzione di giudizio. Ovvero ad oggi non si ritieni che vi sia ma non è detto che la valutazione sia rivedibile.
    “non constat de supernaturalitate” = non c’è evidenza di soprannaturale

    Per quanto concerne la frase: Madonna mandò a dire al Vescovo Zanic.

    Ho letto qualcosa a riguardo ma nulla di ufficile. Tra parentesi c’è, secondo me, da tenere in considerazione un paio di cose: 1 – la mediazione del veggente che potrebbe portare, volontariamente o involontariamente, qualche modifica al messaggio (non significa in mala fede o no). PEr questo, ad esempio Fatima, non è stata subito creduta. 2 – il processo di purificazione del veggente, nel capire e dire cosa deve e come deve dire.

  11. “Gustavo, non è affatto vero che basta che nei ‘messaggi di Maria’ (o Marija? O di qualcuno preparato in teologia?), non ci siano errori -e ce ne sono, eccome!- per essere credibile il fenomeno. Ma dove sta scritto?”

    Ecco che ritorna sempre il solito problema: leggete (forse), e poi non intendete… oppure intendete a modo vostro.

    Io ho affermato che “il fenomeno è attendibile: potrebbe essere di origine soprannaturale”.

    -) “attendibile” NON significa “certo, sicuro”.
    -) e ho usato il verbo al condizionale (potrebbe), e non all’indicativo.

    A quanto pare non basta scrivere in un italiano corretto, per essere intesi.

    Detto ciò, tu sei sicurissima (e ce ne sono, eccome!) che vi siano errori teologici e/o dogmatici: gentilmente, ti prego di mostrarceli, nei Messaggi ufficiali (e non nelle tante “elaborazioni” che girano per la rete).

    La “disobbedienza alla Chiesa” di cui parli NON mi risulta: non è col solo Vescovo locale che si può identificare “la Chiesa”.

    Ma mi rendo conto che devi essere stata indottrinata dai tanti siti alla pontifex.roma, visto che parli di “condotta generale” dei veggenti. Del resto, sei liberissima di dar credito a chi vuoi tu.

    Per il resto del discorso, ha già risposto abbondantemente Salvatore.

  12. Sì ma non potete pensare che Gesù venga a sistemare le cose come un supereroe dei fumetti…non sarà così. Verrà a giudicarci, e saranno dolori, invece. Cerchiamo di essere coerenti con la parola di Dio, e avremo fatto quello che dobbiamo fare, aspettando serenamente la Sua venuta.

  13. O Gustavo: e io cosa ho detto!??
    Cmq la tua mancanza di rispetto sull’indottrinamento, mi dà il diritto di non rispondere alle tue elucubrazioni. E informati presso qualche buon prete sul significato di ‘obbedienza alla Chiesa’.

  14. Salvatore, ti mando con copia-incolla questo pezzo preso da un sito medugoriano, così non mi incolpi di essere ‘indottrinata’ da anti-medugoriani:

    “Per la valutazione delle apparizioni e dei messaggi, come dice la teologia romana, esistono tre formulazioni classiche:
    1. constat de non supernaturalitate: l’apparizione è condannata
    2. constat de supernaturalitate: l’apparizione è approvata
    3. non constat de supernaturalitate: non si è al momento in grado di affermare che il fenomeno sia di origine soprannaturale, ma neppure si è in grado di smentire categoricamente tale possibilità (ed è questo il caso in cui rientra Medjugorje)”.

    http://madonnadimedju.altervista.org/files/docs/cosa_dice_la_Chiesa.pdf

    Ti faccio presente che l’autore dell’articolo oltre a fare delle sue divagazioni proprie, non era aggiornato. Infatti, la formulazione “constat de non supernaturalitate” è stato eliminata sotto papa Paolo VI negli anni 70.

  15. Stavo preparando il commento quando è entrata la risposta di Maria. Mi limito perciò a scrivere solo sulla seconda parte del commento di Salvatore, che Maria ha trascurato.

    La ‘Madonna’ (virgolettata) di cui parla Maria, non solo è ufficiale dichiarazione del vescovo Zanic, ma addirittura è stata tradotta da lui stesso in italiano (che conosceva molto bene) e si riferisce ad una lettera scritta da Ivan il 21 giugno 1983, con tanto di firma! Oltretutto il vescovo l’ha messa agli atti come prova contro la veridicità delle apparizioni. Quindi non è mediata.

    (http://www.cbismo.com/files/file/ZanicMedj_Maggio1990.pdf) – n. 17.

    Consiglio ai lettori di leggere tutta la dichiarazione e… chissà, magari qualcuno aprirà gli occhi. Io credo ancora ai miracoli!

    Ciao

  16. Scusami Maria, possibile che ricorda male io. In questo caso, per Medjugorje, e’ stato dichiarato il non constat de supernaturalitate e non il constat de non supernaturalitate

  17. Scusami Lara, siccome mi sono perso tra i mille commenti non seguo piu’ di cosa stiamo discutendo e purtroppo non ho tempo per leggere questi altri documenti.

    Per farla pero’ breve su Medjugorje io starei ad aspettare le valutazioni ormai in atto da parte della Chiesa e dei 10 segreti.

    Personalmente credo nella realta’ di Medjugorje, nel senso che da li’ la Madonna sta preparando la battaglia finale.

  18. Non vedo dove stia, la mancanza di rispetto. Tu esprimi il tuo pensiero, e io esprimo il mio: perché mi attacchi gratuitamente?

    Ti avevo posto una semplice domanda, tra l’altro: dove sono gli errori (teologici e/o dogmatici), nei Messaggi medjugorjani?

    Non sarà che, non avendo risposte valide alla mano, preferisci attaccarmi senza motivo?
    Chi sarebbe “il buon prete” di cui tu parli? Quello che mi dice che è sufficiente il parere di un singolo Vescovo, e NON della Chiesa con a capo Pietro?

    Ti ricordo, per inciso, che la Chiesa ancora NON si è espressa – c’è una apposita commissione al lavoro – su Medjugorje.
    Informati tu, prima di scrivere sciocchezze. E non offenderti, se qualcuno prova a darti un buon consiglio. Sei sempre libera di non accettarlo, il consiglio, ma perché attaccare gli altri?

I commenti sono chiusi.