CHI E’ PADRE PIO DA PIETRALCINA?

di Vito Muschitiello

Vita di Padre PIONella foto: Padre PIOph. Elia Stelluto / FARABOLAFOTO

“Il mondo può stare anche senza il sole, ma non senza la Santa Messa” (Padre Pio)

E’ molto difficile rispondere a questa domanda perché è praticamente impossibile contenere in una breve descrizione che inevitabilmente non potrebbe che usare canoni e schemi prettamente umani, una vita tanto straordinaria quanto semplice, ma soprattutto tanto intrisa di soprannaturale e spiritualità come quella di Padre Pio da Pietralcina tanto che egli stesso si autodefiniva “un mistero a sé stesso”. Sì, un mistero che si inserisce perfettamente nel Mistero di Cristo. San Pio è forse il più grande Santo della storia del Cristianesimo in quanto egli unisce le due “anime” più grandi dell’esperienza religiosa cristiana: quella del mistico, inteso come colui che vive un intimo e intenso rapporto col Signore tanto da divenire egli stesso preghiera vivente (come il suo Santo fondatore S. Francesco d’Assisi) e da vivere nella sua stessa carne i dolori e i patimenti della Passione di Gesù, e quella del sacerdote che, per sua speciale vocazione e ministero, rappresenta, per tutti i fedeli, Cristo stesso, cd. “alter Christus”. Infatti p. Pio è l’unico sacerdote cattolico con le stigmate.
L’anima che si accosta a questo grandissimo Santo con discrezione, umiltà e soprattutto con Fede, e non semplicemente con curiosità per gli aspetti più “eclatanti” della sua vita o addirittura con superstizione, pian piano entra in comunione con lui, fino al punto da non poter fare a meno di desiderare di diventare un suo figlio spirituale, perché la paternità spirituale che P. Pio ha esercitato, per conto di Dio, verso tantissime anime, continua anche dopo la sua morte. Pian piano non basta più, all’anima, una semplice conoscenza “intellettuale” del Santo, della sua vita e delle sue opere, mentre diventa indispensabile una progressiva sua imitazione e comunione con la profondità del suo pensiero e della sua esperienza religiosa. Siamo certi che imitare p. Pio corrisponde anche ad imitare Gesù perché la via che ha percorso l’umile frate è la stessa tracciata da Cristo, quella della Croce in vista della Resurrezione.
Francesco Forgione nasce a Pietralcina (Benevento) il 25 maggio 1887 e sin da piccolo si rivela in lui la vocazione a farsi frate. Entra, così, nel noviziato dei frati cappuccini di Morcone (Benevento), nel 1903. Il 10 agosto 1910 viene ordinato sacerdote. Il mese dopo riceve le stigmate invisibili, mentre riceverà quelle visibili, il 20 settembre 1918. Esattamente 50 anni dopo, come promesso dal Signore, esse scompariranno e, dopo aver combattuto la sua ultima battaglia contro il demonio, dall’altare, celebrando la S. Messa, il 23 settembre 1968, P. Pio sale al Cielo. P. Pio viene poi beatificato e canonizzato da Papa Giovanni Paolo II. Quello del combattimento spirituale contro il demonio e le potenze del male, è solo uno dei tanti aspetti della vita di P. Pio, che colpiscono. E’ una lotta estenuante, fisica, contro Satana. Quante battaglie, quante percosse, quante tentazioni, e quante notti insonni, per i suoi confratelli, a causa dei rumori fortissimi che provenivano dalla sua povera cella! Ma le persecuzioni contro Padre Pio, purtroppo arrivavano anche da quella Chiesa che egli tanto amava e che, in alcuni suoi rappresentanti, non seppe da subito riconoscere la santità del povero frate. Ma egli visse tutto questo in umile obbedienza e amore inalterato verso la Madre Chiesa. Altri aspetti che contraddistinguono la vita di P. Pio sono il profondo amore per l’Eucarestia (con quale devozione e partecipazione celebrava la S. Messa che spesso durava anche fino a tre ore, e quante ore di adorazione!), la tenerissima devozione verso Maria Santissima, nostra Mamma Celeste (era capace di recitare anche alcune decine di corone di Rosario al giorno), la profonda consapevolezza della centralità, per la vita spirituale delle anime, del Sacramento della Confessione. Ecco, il ministero di confessore di P. Pio è straordinario: ore ed ore passate in confessionale e quante migliaia di persone arrivavano da tutte le parti d’Italia e del mondo nell’umile convento di S. Giovanni Rotondo, per potersi confessare da lui. Un uomo di profonda preghiera che è stato strumento di conversione delle anime, nelle mani di Dio. Conversioni ottenute non tanto con la predicazione (non ha mai detto un’omelia durante la S. Messa, pur dando moltissimi consigli e parole paterne a tanti suoi figli spirituali), bensì con la preghiera incessante e con la mortificazione, i sacrifici e con l’offerta di tutte le sue sofferenze, sia quelle interiori causate dalle tante persecuzioni e incomprensioni, sia quelle fisiche dovute alle continue malattie, alle lotte fisiche con il demonio e ai dolori e sanguinamenti provocati dalle stigmate, i segni della Passione di Gesù, scolpiti sul suo corpo per tanto tempo. Per lui è stato come restare inchiodato alla Croce per cinquant’anni! E poi i tanti miracoli: le guarigioni fisiche, le liberazioni spirituali, le conversioni, le bilocazioni, le apparizioni della Madonna, ecc. Milioni di fedeli dai più semplici fino a Sommi Pontefici si sono rivolti a lui per ricevere preghiere di intercessione presso Dio. Ad essi desideriamo oggi unirci umilmente con il nostro pellegrinaggio sulle orme di Padre Pio, a giovamento del nostro cammino spirituale e per la maggior gloria di Dio.

Annunci

26 thoughts on “CHI E’ PADRE PIO DA PIETRALCINA?

  1. ooh finalmente una bellissima e chiara presentazione di padre Pio, libera dai miracolismi. sento dentro di me che è vera e sincera. grazie, lo Spitrito Santo deve avergliela sicuramente ispirata. cordiali saluti, luciano (sono un devoto silenzioso di padre Pio, anche se è santo preferisco chiamarlo cosi)

  2. E’ risaputo quanto padre Pio fosse geloso delle sue stimmate al punto di farsi operare all’ernia senza anestesia pur di vigilare che nessuno le vedesse…anche a padre Agostino Gemelli inviato dal Papa negò questo privilegio. Se penso che Gesù pur di far credere Tommaso gli fece mettere le dita nella ferita del costato…se penso a questo sulla vita del santo di Pietrelcina cala un’ombra enorme di sospetto che più che un servo di Dio lo elegge…a capolavoro del diavolo.

  3. Padre Pio operava prodigi per mano del diavolo…la sua figura è contemplata in un passo di san Paolo…” l’iniquo, la cui venuta avverrà nella potenza di satana, con ogni specie di portenti, di segni e prodigi menzogneri”…erano questi segni ad accompagnare l’opera di Padre Pio. Non pensate che vengano gli zingari a fare queste cose predette da san Paolo…no… all’interno della chiesa si compie questa profezia.

  4. L’abate Pierre prima di morire ha confessato le sue debolezze, le sue miserie, i suoi peccati…affermando di aver avuto delle storie d’amore con donne. Mi inchino davanti a questo testimone di Cristo che ha saputo amare e seguire la verità fino in fondo…se prima avevo stima di lui ora ne ho un’ammirazione sconfinata perché la santità non è il cammino verso la perfezione ma verso la verità. Io credo che molti santi abbiano nascosto le proprie infamie per apparire perfetti davanti agli uomini facendosi così figli della menzogna…per questa ragione temo che nel giorno del giudizio li vedremo scendere dal calendario per andare al supplizio eterno.

  5. giudice di questo mondo è Gesù Cristo Figlio di Dio,
    non lei pover’uomo che si permette di giudicare il suo prossimo, proprio come fa il demonio

  6. giudice di questo mondo è Gesù Cristo Figlio di Dio come tu dici… io dopo essermi tolto la trave dall’occhio mi limito a raccontare quello che vedo…e guai se non lo facessi…

  7. Ma x favore xè permettiamo a questo impostore di continuare… ignoriamolo!! Vedrà che no trovando risposte andrà x altri lidi….. Se fosse solo un capello di S.Pio !!!!!!! P.Pio è stato (x me) Gesù che con in prestito il corpo di un fraticello è stato tra noi …..ho letto così tanto di lui,da 20anni è presente nella mia vita come padre che mi ha insegnato come si Vive la S.Messa,come ci si rapporta col “cielo” ..ha dato frutti di conversione,umiltà ed Amore a Dio e la chiesa….. forse x questo testimone di geova(?) è troppo fastidioso..se poi è un’inviato del cornuto ancor peggio..starà sbavando!!!!!!!

  8. per amore della verità ci tengo a precisare che io sono un cattolico costretto ad uscire dalla chiesa perche avendo veduto la verità l’aria per la sua anima era diventata irrespirabile…ma non sono diventato evangelico ne testimone di geova.

    se Padre Pio era umile io sono babbo natale…se lo fosse stato si sarebbe lasciato guardare le stimmate…mite come un agnello…invece ogni volta che qualcuno si avvicinava diventava una belva…era superbo e orgolglioso…e tutto in lui era falso…era falsa la sua umiltà come è falsa la povertà di Papa francesco…tutta apparenza questi santi in svendita…

  9. Provi a leggere con gli occhiali… le stimmate solo padre Agostino Gemelli ebbe il diniego…ma xè parla a vanvera???? Credo che la sua sia solo mania di protagonismo..in tutti i modi… beato xè si sente un’Illuminato!!!!!! I poveracci come me vedono con l’innocenza e non con la Perfidia camuffata…la lascio perdere ..tanto chi nasce Tobdo,non muore quadrato!!!!
    Prima di parlare con l’aureola se la guadagni!!!!!!!!!

  10. non è vero…si fece operare all’ernia senza anestesia è perché temeva che lo controllassero…ma se anche solo a ad agostino gemelli negò quel privilegio è abbastanza per sentire puzza di bruciato…chi ha il cuore puro ed è nella verità non teme nulla…poi sappiamo che cè il sospetto che se le facesse da solo con dell’acido fenico che risulta si facesse comprare da una sua figlia spirituale mi pare a san severo…ci sono le prove di questo…io ciecamente mi fido solo di Gesù…tutti gli altri papa compreso e pure padre Pio per me possono essere figli del diavolo ed allora applico il vangelo e sono prudente come un serpente…

  11. mi ero ripromessa di non replicare ai tuoi commenti, ma veramente non se ne può più, stai delirando oltre ogni misura.. S.Pio è stato un grande sacerdote ,devoto e fedele a nostro Signore Gesù Cristo che è Dio,,e DIO è Amore..l’ha servito e onorato fino al suo ultimo giorno, e ora lo Spirito Santo ha fatto la grazia di mandarci papa Francesco persona umile ma forte spiritualmente, caritatevole e amorevole verso il prossimo, un papa che darà nuovo vigore a questa Chiesa un pò assopita..!! tu vedi di togliere anche gli occhiali neri oltre alla trave, e non tralasciare di far prendere aria alla tua mente che mi sembra alquanto annebbiata, il fumo del tuo amico ha trovato spazio li dentro..e non mi riferisco al fumo dell’incenso…oppure fà come vuoi che tra serpenti vi intendete..
    per favore evitami i tuoi sproloqui e pensa alla tua di famiglia, che la mia sta bene com’è

  12. Gesù ha parole allarmanti rivolte alle pecore del suo gregge per invitarle alla fuga dalla falsa religione nei giorni della fine…è terribile quanto metta fretta, come se da un momento all’altro dovesse crollare il mondo…ecco il testo…
    “Quando dunque vedrete l’abominio della desolazione di cui parlò il profeta Daniele stare nel luogo santo, chi legge comprenda, allora quelli che sono in Giudea fuggano ai monti, chi si trova sulla terrazza non scenda a prendere la roba di casa e che si trova nel campo non torni indietro a prendersi il mantello”.
    Gesù usa questa metafora per farci comprendere la gravità del momento e la necessità impellente della fuga…guarda cogli occhi dello spirito e vede, non la vita dei corpi, ma quella delle anime. Eppure se ci guardiamo intorno sembra tutto tranquillo…i sacerdoti ci rassicurano, voci del cielo annunciano un’era di pace, l’orizzonte sembra cominciare ad aprirsi…perché Gesù suona la sveglia e ci comanda di fuggire in fretta e furia? Questa fretta io la avverto tutta…vedo coi suoi occhi la catastrofe compiersi giorno dopo giorno, vedo le anime della gente devota morire asfissiate dagli inganni dell’impostura religiosa…quelle che vanno regolarmente in chiesa, quelle che credono ai falsi cristi delle apparizioni, quelle che osannano il Papa…hanno tutte il cappio al collo e stanno soffocando.

  13. Così si fa. Come con i bambini alla ricerca di continua attenzione. O si cade nel loro gioco!

  14. Davvero non c’è risposta che meriti..ma x amore della verità e di S.Pio non posso tollerare certe infamie… davvero è un serpente costui che afferma cose lette xè scritte da chi ancora oggi attacca S.Pio !!!!! Aggiungo solo una cosa..anzi due… Primo le stimmate sono scomparse senza lasciare tracce di cicatrici(dopo 50 anni minimo la mani dovevano essere marcite in necrosi giacchè” procurarsi ” certe ferite non è una cosa senza conseguenze …..anzi la pelle è ritornata chiara e liscia come pelle dei bambini….. secondo…. giusto x..ma è mai stato in un luogo santo costui che seduto sulla sedia spara sentenze senza prove ma solo xè ha letto, o, han detto..ma chi????? Esseri della stessa specie!!!!???.Chiusura ..è proprio un ì’inviato del “cornuto”.. ma non mi fa paura e fnichè ne avrò facoltà,difenderò Maria nelle sue apparizioni(a Medjugorie,a Lourdes ecc..) Papi e Santi che si sono guadagnati con la loro esemplare esistenza di amore a Dio la Santità Vera..non che han fatto i porci e poi alla fine ..scusate,ho sbagliato….!!! La sua è opera satanica,ma con l’aiuto di Dio non otterrà nulla ..forse qualche rintuzzo ,ma più x chi deve stare attento alla sue idiozie malefiche. Chiuso e x sempre!!!!!

  15. Ma allora sei veramente babbo natale, e mi sa fidanzato con la renna. Vuota il sacco, senza regali, e dicci chiaramente per chi “lavori”. Caro pierrini, scusa ho incrociato l’abate pierre con te, mi sa che il problema sono proprio le donne. più che cattolico è meglio se vai a Cattolica, e forse….rinsavisci.
    Tuo IRReverendo

  16. la chiesa è la vostra ricchezza e come tutte le ricchezze conduce all’inferno perché il regno di Dio è per i poveri…sulla chiesa fondate la vostra salvezza perché siete carnali ma si deve fondarla su Dio per rinascere in spirito e conoscere quella verità che viene rivelata solo a chi si fa piccolo e povero…

  17. Ricordati è per i poveri in Spirito e Verità…..e siccome siamo carnali, sento che vorresti ridurci ad un bel spezzatino con le patate novelle. Meglio la Buona Novella e spezzare la PAROLA, che rimescolare il tuo solito minestrone…ormai bruciato.
    IRReverendo tuo chef

  18. David, la puzza di zolfo fuoriesce dal pc, quasi mi soffoca………ma io prego e non mi faccio soffocare.Vi prego ignoriamolo e non rispondiamo più alle sue provocazioni, ma cosa importante…….. preghiamo anche per lui e gli uni per gli altri.
    Santa giornata a tutti anche a David.

  19. Caro david ,
    io credo che il giudizio è solo di Dio, tu che ti ritieni profeta, cerca di vegliare invece di svegliare il can che dorme dentro di te, perchè chi parla in questo modo non è certo di Cristo. Però ho notato che qualche volta cerchi con il tuo atteggiamento anche di chiedere “scusa” “non ti offendi” ma poi siccome si sveglia il can che dorme, attacchi. Riposati per quando ci sarà la battaglia che poi non avrai riposo e sarai cacciato dove non potrai più nuocere.

    Scusa david altra cosa, se tu sei fuori della Santa Chiesa a te cosa importa di cosa noi facciamo che AMIAMO LA SANTA CHIESA, che t’importa se la Chiesa Crolla, NOI LA SOSTENIAMO, che t’importa se le anime si perdono NOI CI PREGHIAMO PER PORTARLI IN PARADISO, che t’importa del Santo Papa, NOI LO AMIAMO.
    Occupati di quello che tu preferisci e non occuparti di questo, cosi resti tranquillo e non avrai le occhiaie di sicuro, santa notte , che il Signore ti illumini e il Santo Spirito soffi dentro il tuo cuore.

    Cari, david grande scrittore ci dona delle pillole di saggezza, e giustamente come già i tanti hanno detto a noi non servono perchè a noi piace restare con Cristo e ascoltiamo lo Spirito Santo e Maria Nostra Madre, lasciamolo stare senza turbare la sua natura, cadrà da solo.

    Dimendicavo sa anche dare la “SUA BENEDIZIONE”

    david si scrive a tanti blog soprattutto dove c’è odore di Cristianesimo CHE STRANO VERO ?????.

    david pierini scrive,

    20 dicembre 2008 @ 15:11

    gia che ci sono vi rivelo un segreto che solo i profeti sanno…

    quando un profeta non viene ascoltato il Signore gli comanda di far credere che sia pazzo…ad Isaia comandò di mettersi a ballare nudo in piazza…
    questo perché la gente torni a vivere serena dimenticando le minacce
    prima del supplizio eterno. Dio non vuole che il nostro inferno cominci qui sulla terra così ci tranquillizza facendoci godere gli ultimi giorni.

    Clodine scrive,

    20 dicembre 2008 @ 19:53

    Troppo forte Ignigo!! Ad Antonio dico che mi aggrappo alla sua gobba, visto che si è candidato…poi in quanto a ferro da toccare e grattate dove non batte il sole, oggi, dopo il simpatico siparietto sembravo la dea Calì…

    Davide Perini, più che profeta a me sembra un menegramo, tipo ToTò in quel film “La patente” dove al personaggio di stampo pirandelliano -il famoso Rosario Chiarchiaro- veniva data la patente di jettatore o schiattamuorto . Occhiali neri, scriminatura al centro, baffetto, giacca nera su camicia bianca, espressione facciale cupa…andava pei vicoli e Napoli dicendo:
    “tengo mode, garbo e gentilezza. ‘O muorto mmano a me po’ stà sicuro, ca nun ave nu sgarbo, na schifezza. Io ‘o tratto come fosse nu criaturo che dice a ‘o pate:”Me voglio jì a cuccà”. E ‘o cocco luongo stiso int’ ‘o spurtone, pure si è viecchio pare n’angiulillo
    Traduzione: “Io ho modi, garbo, e gentilezza. Il morto nelle mie mani può stare tranquillo, perché non riceve né torti e né schifezze. Io lo tratto come se fosse un fanciullo che dice al padre:”Voglio andare a dormire”. E lo stendo nella bara, e anche se è vecchio sembra un angelo .

    Sai che c’è: mi sono giocata tre numeri, un terno secco sulla ruota di Napoli, che ne sai che non mi porti buono…

    Ciao Ignigo, Principessa, Antonio, Perini (spero non ti sari offeso e non mi tirerai un’altra delle tue invettive..non te sei regolato Perini)

    david pierini scrive,

    21 dicembre 2008 @ 4:41

    Clodine io non mi offendo mai…tranquilla… e non mi pare di averti tirato nessuna invettiva…quello che ti ho detto lo pensavo e lo penso…però non posso fare a meno di notare come perdete facilmente il controllo e lasciate che lo spirito del mondo vi trascini a recitare delle parti che deturpano la vostra piacevole immagine…
    è un peccato d’orgoglio ferito che mostra il malessere delle vostre anime…
    e quanto sia ancora lungo il cammino di spogliamento che dovete fare…
    per Natale confessate questo peccato…io vi ho già perdonato e vi dò la mia benedizione.

    Clodine scrive,

    21 dicembre 2008 @ 6:56

    Caro Davide Perini, mi dispiace tu pensi brutte cose di me e di alcuni di noi che in questo blog si trovano a confrontarsi.
    Io credo tu sia una bella anima,ma quel “Natale bagnato di lacrime” francamente non mi è piaciuto e non l’ho capito, è stato inopportuno, essendo il Natale la festa della gioia. Una gioia interiore, che pervade il nostro essere, la nostra anima: nasce la Luce del mondo, e non c’è posto per le lacrime di afflizione, ma solo per lacrime di gioia, anche se il legno della culla rimanda al legno della croce. Ma Natale è la festa della gioia e dello stupore,del mistero di un Dio che si fa carne
    Siccome tu sei un profeta, conoscerai, immagino, uno dei più grandi profeti che l’umanità abbia avuto: il Pastore D’Erma, ebbene, Lui era molto cauto nei suoi giudizi, senti cosa dice a proposito del giudizio circa il modo di riconoscere lo spirito dell’ uomo:

    “In una visione l’Angelo alla mia domanda su come fare per distinguere gli abitanti del mondo mi risponde:

    “Gli alberi che vedi sono gli abitanti di questo mondo”; “Perché sono come secchi e uguali?”. “Perché in questo mondo non si vedono né i giusti né i peccatori, ma sono uguali. Questo mondo è un inverno per i giusti e non si vedono perché abitano con i peccatori. Come nell’inverno gli alberi perdono le foglie e sono uguali e non si vedono quali sono secchi e quali vegeti, così in questo mondo non si vedono né i giusti né i peccatori, ma tutti sono uguali”.

    Perini…io ti voglio bene, ma, devi essere più cauto; Il dono di Scrutare le anime e saggiare i cuori dei credenti deve essere fatto con intelligenza e soprattutto amore. Senza queste prerogative, potresti danneggiare le anime e causarne un dolore profondo facendo così un cattivo servizio.

    Buona quarta D’Avvento a tutti, che il Signore sia guida al nostro cammino e luce ai nostri passi.

    david pierini scrive,

    21 dicembre 2008 @ 10:38

    Non conoscevo questo profeta dalla sublime parola…che dire Clodine…
    faccio un passo indietro e dico che non sono infallibile…posso sbagliare.
    Una voce nel cuore alcuni anni fa mi disse mentre recitavo l’Ave Maria…
    “il Signore è con te”… tuttavia io non so a quale spirito appartenese quella voce ed anche se fosse dello spirito di Dio quando ci si insuperbisce si viene comunque lasciati in balìa del proprio delirio.
    Però anche voi prendete esempio da Matteo che al pari di Gamaniele è molto prudente nel giudicare…

    buone feste

  20. il mio modo di fare lo ritenete troppo sopra le righe…grida, minacce, invettive…quindi dite che sono dal diavolo…la stessa cosa dicevano di Gesù e di Giovanni Battista…io a loro assomiglio e guarda un po quel Giovanni di cui ho ereditato la violenza è stato definito da Gesù il più grande fra i nati di donna…chi ha orecchi per intendere…intenda.

  21. Un buon Psichiatra non sarebbe fuori luogo…c’è da sentire follie del tipo…Io sono Il Cristo …!Io sono Il Battista….. ma allora io sono chi???? Non l’ho capito ancora… ma mi piacerebbe essere “S.Monica”……..o, S.Teresina..o, S.Caterina…. mha..ci penso e ve lo faccio sapere!!

  22. Gentili tutti vorrei condividere con voi una mia idea.
    Visto che si è deciso di fare una esposizione perenne del Santo Padre Pio mi chiedo a cosa serva mantenere intatto il sarcofago faraonico in oro sicuramente non in armonia con lo stile di vita del santo e dei suoi pensieri. Mi chiedo quindi se non sarebbe il caso di devolvere il ricavato di tutto quell’oro ad una buona causa che faccia bene a persone bisognose, se condividete il mio pensiero vi invito a scrivere così che forse possiamo mettere in moto un’azione che parta da noi fedeli e che il santo penso possa condividere!
    Aspetto vostre risposte. Un saluto a tutti.
    Tina Villani da San Severo

I commenti sono chiusi.