Siate pronti… per risorgere con Cristo

di Tony Puglisi

Resurrezione - Raffaellino del Garbo

Mercoledì scorso è giunta la notizia a un mio amico della morte di suo cugino, un giovane ventiseienne morto in un incidente a pesca che lascia oltre che una moglie anche un bambino di sei mesi.

Tra la costernazione della famiglia e i soliti dubbi che umanamente vengono tipo “dov’era DIO ?” e le solite frasi del tipo “godiamoci la vita” oppure “Non siamo niente” e la malinconia personale che viene sempre quando si sente di una morte di una persona così giovane, mi è venuta l’ispirazione di questo articolo in vista della prossima Pasqua che dovrebbe ricordarci che la visione nostra da cristiani cattolici è sempre fissata nella resurrezione e nella vita eterna anche quando lutto e separazione distruggono la nostra vita.

Ringraziando DIO non ho mai, fino ad ora, vissuto un lutto così grave, non credo ci sia un lutto peggiore di quello della perdita di un figlio, per quello ho sempre avuto compassione di Maria Santissima che stando dritta davanti la croce vedeva suo figlio spegnersi lentamente senza poter far nulla.
Ricordo di aver persino pianto la prima volta che mi fu raccontato della strage degli innocenti e mi sono umanamente chiesto anche io perché DIO permettesse tutto questo male.

Poi crescendo e facendo un po’ “l’autodidatta” in campo religioso mi ha fatto imbattere in tante idee, da chi spara profezie distruttive e di sventura a chi parla con i morti a chi parla sempre all’infinito come se non dovesse morire mai.

Per mia natura ho sempre pensato tanto alla morte, penso che sia il miglior modo per apprezzare la vita, gli affetti, l’amore, la natura.
Ma anche per riflettere al fatto che abbiamo un posto preparato nel regno di DIO dove non ci saranno lacrime ne lamenti e dove saremo tutti felici.

Mi ha fatto riflettere al fatto di essere pronti “perché non sappiamo ne il giorno ne l’ora” e che questo essere pronti all’incontro col creatore deve essere la prima priorità verso tutto e tutti proprio perché non sappiamo quando questo incontro avverrà.

Spesso, specialmente in questi tempi si odono profezie riguardo nuove guerre e patimenti, fine del mondo, carestie, distruzioni…
Non so quanto esse possano essere vere o meno, ma so che non mi importa più di tanto perché l’importante è essere pronti, amo fare sempre un esempio : Mettete caso che io sapessi con sicurezza che domani avvenisse la venuta di Gesù, ma che morissi tra cinque minuti quale sarebbe la mia priorità?
L’importante è essere pronti.

Un’obiezione che spesso mi viene fatta da amici credenti e fan della nostra pagina “L’amore di Gesù e Maria Trionfa sempre” è “ma io non ho paura di perdere la vita, ho paura per la separazione e vedere i miei parenti soffrire e morire”.
E’ vero, sarebbe una grande ipocrisia dire a qualcuno di non piangere la separazione anche se la fede ci imporrebbe di farlo, Gesù stesso pianse davanti la tomba di Lazzaro, e anche se non credo che egli pianse la separazione (stava per resuscitarlo !!) ma pianse sulla condizione di miseria umana che vede l’uomo morire e soffrire, Gesù comunque si commuove dinnanzi alla morte e Lazzaro non è l’unico caso di resurrezione terrena che fece Gesù.

Gesù orienta in nostro sguardo a quella che sarà la vita futura (Oggi stesso sarai con me in paradiso) , invitandoci a essere pronti per non sprecare il nostro tempo (e nemmeno la nostra eternità) separati dai nostri cari e dal sommo bene che è DIO stesso.

L’invito è quindi di farci trovare pronti per non passare attraverso sale di attesa (Purgatorio) o di sviare completamente strada (inferno) ma di entrare direttamente in Paradiso attraverso la porta preferenziale che è la santità.

Ci invita a essere da esempio per chi ci vede (luce del mondo) e di pregare per i moribondi, per i parenti, per gli amici e per le anime del purgatorio affinché anche loro possono entrare in quella grande casa con milioni di miliardi di stanze preparate per noi, affinché la nostra stanza non rimanga vuota per un periodo temporaneo o per l’eternità.

Il lutto sconvolge le nostre vite ma la Pasqua viene per ricordarci che in questa terra tutto è di passaggio e nulla è per sempre (morte e lutto compresi) che c’è un nuovo inizio che ci aspetta, una terra promessa, una vita eterna, un sole che non tramonta, un corpo che trasfigurato dalla luce Divina non vedrà mai la corruzione.

E in questo Maria Santissima ne è un chiaro esempio, essendo la prima creatura che ha usufruito di questo enorme dono da parte di DIO, un dono che dev’essere un esempio per tutti noi e un invito a desiderare di partecipare a questa enorme comunità che è la famiglia di DIO e a non disperare nelle separazioni, anche se sono gravi come quella che ci vede separarci dai figli o dai genitori.

Un giorno, abbiate fede ci ritroveremo tutti insieme in paradiso a festeggiare una domenica infinita in cui potremmo stare uniti come abbiamo sempre desiderato, e troveremo un senso a questa vita in cui non si vive ma si sopravvive, in cui si lotta, si soffre si fanno sacrifici finché morte non ti viene a prendere e sembra tutto vano.
Troveremo un senso al vivere separati dai nostri cari e dal lottare ogni giorno col sudore della fronte per proteggerli anche se sappiamo di essere così fragili.

Un giorno troveremo un senso a tutto questo e allora sarà Pasqua.

Dio vi benedica.

Pax et Bonum

volantino pellegrinaggi 2013 completo

Padre Amorth: Satana può anche farti pregare

di Annalisa Colzi

EPSON DSC picture

Ancora un appunto sui falsi “Messaggi da Gesù Cristo”.

Dopo l’uscita dei miei tre articoli in cui dicevo che tali messaggi sono satanici, alcuni hanno scritto dicendo che non è possibile lo siano perchè invitano le persone alla preghiera e al digiuno.

Nonostante la mia poca esperienza sulle arti del maligno, sapevo che satana può far scrivere messaggi in cui invita gli uomini alla preghiera e al digiuno. E’ il classico specchietto delle allodole. Infatti, insieme a questi messaggi benevoli, come il serpente che striscia silenziosamente, ci inserisce messaggi malefici.

Ho comunque fatto chiedere, grazie ad una suora mia amica che doveva incontrarlo, al decano degli esorcisti cosa ne pensasse. Leggete la risposta di padre Gabriele Amorth.

Circa la domanda che mi hai fatto, ecco la sua risposta: “Il demonio può dire che bisogna pregare tanto e fare digiuni, e poi dire cose false come quelle contro papa Francesco. Dice di pregare ma aggiunge che papa Francesco è un falso profeta.

Ho avuto vari casi in cui il demonio ha agito così. Era sempre il demonio che diceva di digiunare e pregare, e poi aggiungeva delle cose contro la Chiesa”.

Siate meno ingenui, per non pentirvi poi amaramente di aver gettato ombre su questo Papa. Le calunnie sono terribili.

Vi lascio con questa bella immagine di Gesù Misericordioso, ricordandovi che oggi inizia la Novena alla Divina Misericordia.

185943_10150112277290419_6289971_n

Casal del Marmo, il Papa per la prima volta laverà i piedi a una donna

Il Papa laverà ai giovani del carcere i piedi senza distinzione di razze o religione. Giusto, perchè lui è il padre di tutta l’umanità.

Grazie Santo padre!

di Marida Lombardo Pijola

WCENTER 0WNDCHOHDA  -  ( Eidon - EIDON_0000897981_160.jpg )ROMA PAPA FRANCESCO EIDON

ROMA – Non è per via del Papa che ti lava i piedi. I ragazzi di Casal del Marmo aspettano Francesco per avere baci, abbracci, carezze, le cose che non hanno mai. Lo aspettano per dirgli le preghiere che stanno preparando. Lo aspettano «come se aspettassi la mia famiglia», dice Ciril, rumeno, che una famiglia non ce l’ha. Abdallah, marocchino, lo aspetta per chiedergli «che preghi per me», nessuno lo fa mai. Lo aspetta anche una giovinetta a cui domani accadrà qualcosa che a nessuna era accaduta mai.

L’APOSTOLO DONNA
Quando Cenerentola, che ha avuto la vita per matrigna, allungherà verso le mani del Papa il suo piedino, diventerà molto più che principessa: incarnerà un apostolo donna, per la prima volta, in un rito così. E allora, questo è certo, la giovane reclusa nell’istituto minorile di Casal del Marmo, prescelta assieme a undici maschi per il lavaggio dei piedi da parte di Francesco nella messa in coena Domini, allargherà le labbra in un sorriso che, per un istante, distenderà le pieghe della sua vita danneggiata. Per padre Gaetano Greco, il cappellano, che spesso in questi giorni ha pianto per la gioia, questa sarà un’altra gioia per cui piangere. «Quando abbiamo proposto una ragazza nella lista di quelli a cui Francesco laverà i piedi, il Vaticano ha opposto perplessità. Ma poi sono venute meno. E allora». E allora sarà un momento forte tra i momenti forti di questo Giovedì Santo, quello in cui Francesco laverà, accarezzerà, bacerà i piedi di una delle 11 ragazze che stanno rinchiuse in una palazzina con le sbarre gialle, accanto ad altre due che ospitano circa 40 ragazzi traditi da se stessi e dalla sorte. «Per la prima volta si sentono al centro di attenzione», si entusiasma la direttrice, Liliana Giambartolomei. «Il Papa li vuole tutti lì, nella cappella. Non vuole troppi adulti. Vuole loro». I ”piccoli” che ama, vuole. Piccoli di età, di fortuna, di speranza. I piccoli nell’accoglienza del destino.

CINQUE ETNIE
Femmine e maschi, cinque etnie, religioni diverse. Rapine, tentati omicidi, furti, scippi, spaccio. «Senza famiglia, senza documenti, senza identità, senza futuro. Solitudini infinite», raccontano gli educatori. Saranno tutti nella cappella bianca del Padre Misericordioso, il marmo tirato a lucido, due vasi con i ciclamini, «le panche sistemate dai ragazzi tutti assieme, anche i musulmani», con la medesima fibrillazione. «Chi vuol farsi lavare i piedi?», ha chiesto padre Greco. «Volevano tutti. Scegliere è stato complicato». Criterio: l’equivalenza delle etnie. Ci sarà Josè (nome di fantasia, come tutti), latino americano come il Papa, che nel suo sguardo cercherà qualcosa dell’identità che non riesce a trovare, fino a lasciarsi trascinare nello spaccio, per sentirsi un po’ meno di nulla. Ci sarà Ciril, ragazzo senza sogni, lo sguardo da guerriero stanco che vaga in nessun luogo sotto la visiera di un berretto rosso, tre stelle tatuate sul collo «per portafortuna». «Ma sogni non ne ho più. Mia madre è morta. Mio padre non lo vedo mai. Tra poco andrò nel carcere dei grandi». Abdullah, marocchino, un sogno ce l’ha: «Fare il pizzaiolo. Ho imparato qui. Tra poco esco». Che cosa dirà a Francesco, quando lui, nella palestra azzurra, parlerà con ciascuno, e a tutti regalerà colomba e uova di Pasqua, e loro gli consegneranno il dono che stanno realizzando in falegnameria? Magari gli dirà una frase di Aristotele che lo ha colpito a scuola. «I ragazzi non sono vasi da riempire. Sono fiaccole da accendere». Se al Papa chiederà una fiamma, la otterrà.

Tratto da:

http://www.ilmessaggero.it/primopiano/vaticano/casal_del_marmo_il_papa_per_la_prima_volta_laver_i_piedi_di_una_ragazza/notizie/261381.shtml#

I “Messaggi da Gesù Cristo” sono menzogne sataniche – seconda parte

di Annalisa Colzi

luce-divinaSpero che i tre articoli scritti sull’argomento siano riusciti a farvi comprendere gli errori contenuti in questi messaggi, anche se alcune persone le ho sentite talmente convinte da farmi paura.

L’attacco al Santo padre Francesco da parte di questi e altri messaggi è impressionante, terribile, orrenda. Di tutto questo dovremo risponderne a Dio. E pensare che Santa Caterina da Siena chiamava il Papa “Il dolce Cristo in terra”.

Ma come è possibile che due scritte sul web possano dar credito a questi messaggi? Davvero la famosa frase “L’ha detto la televisione” sta prendendo forma in “L’ha detto Internet”. Senza nessuna fonte, senza nessuna attendibilità si crede a questi messaggi diabolici. E’ davvero incredibile.

Meno male, però, che vi sono alcuni che ancora hanno del buon senso. Mi scrive un amico:

“Buonasera, ho letto il suo post relativo ai fantomatici messaggi di Gesù della profeta Maria, avevo già polemizzato con gli autori del sito wordpress in cui vengono pubblicati i messaggi, senza ricevere mai spiegazioni accurate.

Non sono un esperto ma ovviamente leggendo alcuni messaggi si notano posizioni estreme: la signora Maria come l’ultimo dei profeti, la certezza assoluta che il nuovo Papa sia in realtà negativo, le indicazioni troppo precise in numerosi messaggi.

Molti dei concetti espressi o “profetizzati” in realtà deducibili dalla cronoca degli ultimi dieci anni: un Papa Benedetto sotto attacco, la polveriera in Medio Oriente, la situazione incandescente nel Nord Africa, etc. etc.

Assurda poi l’ impostazione quasi da setta in base alla quale qualsiasi commento o dubbio venga considerato come un attacco alla veggente signora Maria.

Senza contare poi che alcuni messaggi di altri veggenti, magari già riconosciuti dal vescovo locale, come Itapiranga, si schierano apertamente a favore del nuovo Papa, chiedendo di pregare per lui perchè sarà anch’egli sottoposto a duri attacchi.

I personaggi votati al potere non sono certo gli ultimi Papi ma alcuni personaggi in Vaticano. Viene quasi da pensare che si opporranno ai cambiamenti, probabilmente strutturali e non dottrinali, che saranno introdotti da Papa Francesco, il quale risulta essere un conservatore duro e puro.

Altri messaggi in altri veggenti, relativi a Satana seduto sul trono di Pietro potrebbero indicare non il Papa attuale, ma personaggi di alto livello o far intendere che vi sia qualcosa di corrotto nei livelli più alti del Vaticano.

Se davvero il Papa attuale fosse un impostore, e se molti dei messaggi cosiddetti profetici fossero oggi veri ed attendibili, allora Gesù e la Madonna lo avrebbero già fatto sapere a molti profeti e veggenti, non soltanto ad una signora sconosciuta nascosta in Irlanda.

Secondo me i messaggi della signora Maria sono solo un attacco a Papa Francesco proprio perché lui introdurrà cambiamenti ma certo non contrari alla religione, semmai al potere di alcuni personaggi in Vaticano e ciò sarà un problema per Satana che cercherà di screditare l’opera di Papa Francesco, questa è ovviamente solo un’opinione, non una profezia”.

Analisi perfetta.

Adesso vediamo ancora alcune “profezie” della signora in questione.

Ogni interpretazione umana riguardante i 1000 anni non è affidabile. Dovete credere solo alla parola di Dio.

Eh no, cara signora Maria, mi dispiace ma lei non può smontare tutto il Magistero della Chiesa Cattolica. E’ la Chiesa che ha il mandato di fare discernimento e il millenarismo è stato condannato.

Come fate a credere a questo messaggio che scredita tutta la Chiesa, il Magistero, il Catechismo?

E come fate a credere ad una che scrive di “credere solo alla parola di Dio”? Lo sapete chi dice questo? I protestanti.

Possibile  che non si capisca l’evidenza?

Mi si spezza il Cuore per il dolore che sentono le anime in angoscia a causa della fuga del Mio ultimo Papa, il Mio amato Benedetto.

Ma stiamo scherzando? Ultimo Papa… ma smettiamola.

Non dovete ascoltare quelle voci di condanna che vi daranno sui nervi

“Sui nervi” e questo vi sembra il linguaggio di Gesù? Ne siete davvero convinti?

Neppure per un attimo vi sarà permesso, seguaci Miei, di riposare, pregare o contemplare la Mia Santissima Parola.

Qualche “seguace” di questi messaggi mi può spiegare il significato di queste parole? Che vuol dire che non potrete pregare neppure per un attimo?

Desidero inoltre che voi riceviate il Sacramento della Confessione o qualunque altra forma di riconciliazione a vostra disposizione. Per favore, se non siete in grado di ricevere questo Sacramento, accettate allora il Dono della Mia Indulgenza Plenaria, che avete ricevuto qualche tempo fa.

Ma vi rendete conto di quello che vi sta dicendo con questo messaggio? Che non importa confessarsi o perlomeno se non potete farlo non vi preoccupate, basta recitare la preghiera data da questi messaggi per avere l’assoluzione totale. Terribile, ma come fate a cadere in questo tranello? io che ho letto tanti libri sullo spiritismo vi dico che questi sono i messaggi per ingannare un figlio di Dio.

Dovete recitare questa preghiera per sette giorni consecutivi per ricevere il dono dell’assoluzione totale e la potenza dello Spirito Santo.

Vi supplico con tutto l’amore che vi porto in quanto fratelli di Dio, non disprezzate così il Santo Padre, un giorno ne renderemo conto a Dio.

482740_427758247308798_1066350980_n

Lascia la Tua preghiera

Cesto preghieraTra pochi giorni partirò per quel luogo straordinario chiamato Medjugorje.
Questo sarà il mio ventunesimo viaggio e anche questa volta, come sempre, sarò testimone delle meraviglie che il Signore compie in questo luogo di grazia.
Vi porterò nel mio cuore per consegnare alla Gospa tutte le vostre preoccupazioni, i vostri desideri, le vostre richieste.
So che molti di voi hanno affanni legati al lavoro, alla vita di coppia, alla malattia ecc. Perché non scrivete voi stessi le vostre richieste alla Madonna?
Lo potete fare in questo spazio “Lascia la tua preghiera”, lasciando un commento qui sotto, sarà mia premura consegnare tutto nelle mani di Maria attraverso la cesta dell’ufficio informazioni che si trova a Medjugorje.
Se poi si riesce ad avere la testimonianza di Vicka li lascerò direttamente a lei.
Un abbraccio a tutti voi.
Annalisa

Magdi Allam lascia la Chiesa Cattolica. Peggio per lui.

di Annalisa Colzi

24060747_magdi-allam-lascia-la-chiesa-francesco-non-lo-convince-troppo-vicino-all-islam-0Tanto tempo fa ci fu un altro illustre predecessore di Magdi Allam. Anche lui credente ma non praticante, il suo nome lo conosciamo bene: Lucifero.

Staccare la fede dalla Chiesa vuol dire piombare negli abissi infernali, soprattutto per colui che ha conosciuto la verità.

Orbene leggiamo alcuni passaggi di Magdi per capire quale grave oltraggio gli avrebbe fatto la Chiesa Cattolica.

Credo nel Gesù che ho amato sin da bambino, leggendolo nei Vangeli e vivificato da autentici testimoni – religiosi e laici cristiani – attraverso le loro opere buone, ma non credo più nella Chiesa. La mia conversione al cattolicesimo, avvenuta per mano di Benedetto XVI nella notte della Veglia Pasquale il 22 marzo 2008, la considero conclusa ora in concomitanza con la fine del suo papato. Sono stati 5 anni di passione in cui ho toccato con mano la vicissitudine del vivere da cattolico salvaguardando nella verità e in libertà ciò che sostanzia l’essenza del mio essere persona come depositario di valori non negoziabili, di un’identità certa, di una civiltà di cui inorgoglirsi, di una missione che dà un senso alla vita.

Anche Magdi, come Giuda Iscariota è stato tradito dall’ideale che si era fatto. Chiaramente un ideale tutto umano.

La Papalatria che ha infiammato l’euforia per Francesco I e ha rapidamente archiviato Benedetto XVI, è stata solo la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

Se proprio Benedetto XVI denunciando la “dittatura del relativismo” mi aveva attratto e affascinato.

Ma allora questa papalatria ce l’aveva anche lui nei confronti di Benedetto XVI…

Infine prendo atto che la Chiesa è fisiologicamente tentata dal male, inteso come violazione della morale pubblica, dal momento che impone dei comportamenti che sono in conflitto con la natura umana, quali il celibato sacerdotale, l’astensione dai rapporti sessuali al di fuori del matrimonio, l’indissolubilità del matrimonio, in aggiunta alla tentazione del denaro.

Ma cosa ci vuole dire Magdi Allam con queste parole? Sapete, quando uno non vuol far capire le accuse o il suo pensiero, scrive in questo modo. E’ un metodo subdolo. Comunque sia, a me pare di capire che il caro Magdi sia contrario al celibato dei sacerdoti, all’astensione dei rapporti sessuali fuori dal matrimonio, all’indissolubità del sacerdozio. Ma se ho capito male, correggetemi.

Ed è proprio nel momento in cui attorno a me viene sempre meno la presenza di testimoni autentici e credibili, in parallelo alla conoscenza approfondita del contesto cattolico di riferimento, che è vacillata la mia fede nella Chiesa.

E cosa avrebbe dovuto fare Nostro Signore quando fu abbandonato da tutti? Dire: “cari apostoli mi avete deluso, io credevo in voi, pensavo di avervi fatto capire il mio messaggio ed invece mi tradite. Bene, a questo punto, visto che non siete testimoni autentici del mio insegnamento me ne torno in cielo senza morire in Croce”.

Ma non lo sa il caro Magdi, che parla di papalatria da parte nostra e poi cerca i testimoni autentici invece del solo Gesù, che anche dovessimo rimanere soli e tutti ci abbandonassero dobbiamo rimanere fedeli a Gesù e alla Pietra su cui ha costruito la Sua Chiesa?

Faccio questa scelta, nella sofferenza interiore e nella consapevolezza della disapprovazione che genererà nella patria del cattolicesimo, perché sento come imperativo il dovere morale di continuare ad essere coerente con me stesso e con gli altri nel nome del primato della verità e della libertà.

A questo punto mi chiedo cosa sia per lui la verità.

Continuerò a credere nel Gesù che ho sempre amato (…)

Non chi dice “Signore, Signore entrerà nel Regno dei Cieli, ma chi fa la volontà del Padre mio”. E la volontà del Padre suo e nostro, Gesù ce lo ha espresso attraverso la Chiesa.

Continuerò a difendere laicamente i valori non negoziabili della sacralità della vita, della centralità della famiglia naturale, della dignità della persona, della libertà religiosa. Continuerò ad andare avanti con la schiena dritta e a testa alta per dare il mio contributo alla rinascita valoriale e identitaria degli italiani. Lo farò da uomo integro nell’integralità della mia umanità.

Ma mi faccia il piacere, direbbe Totò. Se prima ti votavano in pochi, adesso anche quei pochi ti lasceranno.

Sei stato una delusione e con il tempo capiremo realmente il motivo per cui hai lasciato la Chiesa Cattolica.

Buona fortuna e pregheremo per te.

482740_427758247308798_1066350980_n

Messaggio dato a Marja 25 marzo 2013

2673690792

“Cari figli! In questo tempo di grazia vi invito a prendere fra le mani la croce del mio amato Figlio Gesù e a contemplare la Sua passione e morte. Le vostre sofferenze siano unite alla Sua sofferenza e l’amore vincerà, perché, Lui che è l’Amore, ha dato se stesso per amore per salvare ciascuno di voi. Pregate, pregate, pregate affinché l’amore e la pace comincino a regnare nei vostri cuori. Grazie per aver risposto alla mia chiamata“ (messaggio del 25.03.2013 a Marja)

I “Messaggi da Gesù Cristo” sono menzogne sataniche

Angels

di Annalisa Colzi

In molti mi hanno chiesto e continuano a chiedermi di cosa ne penso dei “Messaggi da Gesù Cristo”. Avete letto il mio pensiero in uno dei recenti articoli, ma gli attacchi di persone che si ergono a difesa di questi messaggi mi ha spinto a scrivere un altro articolo.

Dopo avere letto commenti che “non stanno né in cielo e né in terra”, pieni di presunzione e arroganza; commenti in cui si difendono questi messaggi con una rabbia interiore impressionante, con attacchi continui al Santo Padre Francesco chiamandolo falso profeta, con toni apocalittici in cui si punta il dito contro tutti quelli che non credono a questi messaggi, come se questi fossero la verità assoluta; ebbene dopo aver letto certe castronerie non ho più alcun dubbio: I “Messaggi da Gesù Cristo” sono diabolici.

Inizialmente pensavo e speravo che questi messaggi fossero frutto di qualche buontempone che si divertiva a prendere in giro i cattolici creando confusione, ma dopo i post e dopo aver saputo che questa Maria della divina misericordia esiste davvero ho pensato che lei stessa fosse ingannata dall’ingannatore per eccellenza.

Sono messaggi in cui viene fuori tutta la furbizia del maligno, che non a caso era ed è l’angelo più intelligente. Sottile, penetrante come un serpente fa scrivere 99 cose buone e una falsa.

Continuiamo ad analizzarne i contenuti.

Sette massoniche infiltrano la Chiesa di Roma. Che sia chiaro: ci può essere un solo Papa in vita.

Menzogna: Il Diritto Canonico prevede la rinuncia da parte del Papa al suo uffici.

Tu, Figlia Mia, sarai respinta come eretica, schernita e derisa. Diventerai una spina nel fianco del falso profeta.

San Paolo ci ricorda che i doni straordinari devono essere sottoposti al giudizio della Chiesa, non che la Chiesa debba essere sottomessa a sedicenti messaggi.

Il Mio amato Papa Benedetto XVI è l’ultimo vero Papa su questa terra.

Che frase terribile: crea odio intorno a Papa Francesco I (ho l’impressione che l’attuale Papa darà molto del filo da torcere a satana e ai suoi seguaci visto l’attacco da parte di questi messaggi).

Io dico solo la verità, figlia Mia.

E allora ci conviene buttare nella spazzatura il Catechismo della Chiesa Cattolica, il Magistero, i dogmi… tanto la verità ce la dicono solo questi messaggi.

Devo avvertirti che emergeranno ora molti nuovi sedicenti profeti, che contraddiranno la Mia Parola Santa data a te, il vero profeta degli ultimi tempi.

Come se non bastasse a far capire che la verità è contenuta solo in questi messaggi prosegue:

Essi, figlia Mia, sono inviati per preparare i figli di Dio ad accettare il prossimo Papa, che viene dopo il Mio amato Vicario Papa Benedetto XVI. Questo Papa può essere eletto dai membri all’interno della Chiesa cattolica, ma sarà il Falso Profeta.

Ecco l’opera di satana: mettere contro il “dolce Cristo in terra” (come lo chiamava santa Caterina da Siena) le anime buone.

I suoi elettori sono lupi travestiti da agnelli e sono membri del gruppo segreto massonico del male guidato da Satana.

Riflettete sulla gravità di queste parole prima di seguire questi messaggi. Vi rendete conto che stanno dicendo che tutti i Cardinali che hanno eletto il Santo Padre (90 voti) sono massoni?

E leggete in questa preghiera come c’è scritto:

Caro Gesù dammi la forza per focalizzarmi sui Tuoi insegnamenti
e proclamare la Tua Santa Parola in ogni momento.
Non permettere mai che sia tentato di idolatrare il Falso Profeta
che tenterà di presentarsi come Te.
Mantieni forte il mio amore per Te.
Dammi la grazia del discernimento così che io non possa mai rinnegare
la verità contenuta nella Sacra Bibbia, non importa quante menzogne
siano presentate a me per incoraggiarmi a voltare le spalle alla Tua vera parola.
Amen.

Prima Parte…

E domani proseguiremo con un altro articolo.

Vi chiedo due cose: divulgate il più possibile questo articolo e a coloro che sono miei amici su Fb chiedo anche di registrarsi al blog perchè Fb mi ha già bloccata tre volte e con il blocco non posso rispondere. Sul blog non ci sono problemi. Vi lascio anche la mia mail: annalisa.colzi@alice.it

Santa giornata  a tutti e VIVA PAPA FRANCESCO I

PROSSIMO APPUNTAMENTO

482740_427758247308798_1066350980_n

La merendina alla guardia svizzera

Papa-Francesco-e-guardia-svizzera-36435_396x271

Sarà vero? Spero tanto di sì. Anche Gesù faceva così.

Una guardia svizzera ha raccontato che Papa Francesco, uscendo dalla camera del suo appartamento dopo la sua prima notte al Palazzo Apostolico, l’ha incontrata e gli ha chiesto se avesse passato lì tutta la notte. Quando la guardia ha risposto “Si” per via del turno di sorveglianza, il Papa è rientrato nella sua stanza, ha preso una sedia, una merendina e l’ha data al giovane. E’ poi rientrato nella sua camera, non prima di aver pregato la guardia che se avesse avuto bisogno di qualcosa bastava che gli bussasse.