Bruegel, l’influente lobby fondata da Monti

di Federico Cenci –

mario_monti-213x300L’appartenenza del presidente del Consiglio Mario Monti a gruppi elitari, cosiddetti think tank e presunte logge è un oggetto di discussione molto inflazionato. Dal novembre 2011 sino ad oggi, ossia dal suo insediamento a Palazzo Chigi, la polemica non si è mai placata, tanto da rendere comune l’idea che il Professore sia un “uomo dei poteri forti”. Per giunta non è stato democraticamente eletto, è dunque privo di quell’elezione popolare che – nell’immaginario collettivo – concede le stimmate della legittimità democratica. Nomi di gruppi come Bilderberg, Trilaterale, finanche Illuminati hanno sconfinato il ristretto alveo dei circuiti web frequentati dai “cospirazionisti” per iniziare a rimbalzare di bocca in bocca in tutta la Penisola. Anche la stampa main stream si è occupata della questione, costituendo un fatto mai avvenuto prima. C’è dunque da riconoscere a Monti di aver sdoganato tra la pubblica opinione un tema, qual è quello dei poteri forti, altrimenti costretto vita natural durante all’oblio della dialettica virtuale.
L’occulto mondo della finanza celato a noi “ciechi”.
Al nutrito e ormai conclamato elenco di lobby frequentate da Monti ne manca, tuttavia, una non meno importante delle altre. Si tratta di Bruegel, una compagine di cui il nostro primo Ministro è stato fondatore, nel 2005, e di cui oggi è presidente onorario (1). Stando a uno studio pubblicato dal ricercatore statunitense James G. McGann dell’Università di Filadelfia, Bruegel è il nono think tank più influente al mondo (2). Già il nome, dietro la sua spiegazione ufficiale, cela sinistri sospetti. Per Monti e i suoi, Bruegel è soltanto l’acronimo di Brussels European and Global Economic Laboratory. I più maliziosi rifiutano però questa interpretazione definendola di comodo, piuttosto essi ritengono che evocare il grande artista fiammingo del ‘500 sia tutt’altro che un caso. Il pittore Pieter Bruegel, infatti, è noto anche per la rappresentazione dei ciechi. La scelta di questo nome sarebbe dunque un subdolo richiamo a quel panorama occulto della finanza mondiale che è nascosto alla vista dei cittadini.
Un ricettacolo di liberisti.
Finanza, appunto. Il Bruegel altro non è che l’ennesimo Salotto in cui confluiscono finanzieri da ogni latitudine (esclusivamente europea in questo caso), dall’imprescindibile comun denominatore dell’ideologia liberista. Non a caso, molte poltrone del Bruegel coincidono con quelle del Bilderberg. Del Bilderberg e gruppi affini, d’altronde, il Bruegel ha anche lo stesso obiettivo ufficiale. Ovvero, la filantropia. Sulla pagina principale del loro sito si legge che “Bruegel si è ritagliato uno spazio unico di discussione per chiunque sia interessato a migliorare la qualità della politica economica”. Secondo le ricette liberiste, s’intende.
Capire il tipo di idee che circolano da quelle parti è del resto facile, basta pensare che il successore del primo presidente del Bruegel (il fondatore Mario Monti, appunto) è stato tal Leszek Balcerowicz, già presidente della Banca Nazionale della Polonia e autore, nel 1989, del piano che prende il suo nome: una vera e propria shock economy all’insegna di privatizzazioni selvagge per trasformare nel più breve tempo possibile la Polonia in un Paese capitalista. È indicativo, inoltre, che alle riunioni del Bruegel partecipino anche rappresentanti delle più importanti multinazionali, certo interessate a tutelare e, se possibile, estendere il liberismo. Tra i nomi, spiccano Goldman Sachs, Novartis, Microsoft, Google, Telekom, EDF, General Electric, New York Stock Exchange (cioè la borsa di Wall Street), Syngenta, UBS, Mastercard. Società di mezzo mondo, tranne che italiane.
Bruegel e l’Italia.
In compenso, di italiani – oltre al presidente onorario Monti – ne figurano altri tre nella squadra di Bruegel. L’unica donna è la “principessa comunista” Letizia Reichlin, figlia di due esponenti del Pci, economista spesso ospite nei salotti televisivi come paladina del libero mercato. Gli altri due nomi che compaiono in lista sono quelli di Vincenzo La Via e Vittorio Grilli. Guarda caso, nominati da Monti rispettivamente: Direttore generale del Tesoro il primo, ministro dell’Economia e delle Finanze il secondo.
Anche in ragione di questi “incarichi mirati” nei dicasteri, una volta di più vale la pena porsi una domanda: il governo Monti ha perseguito il bene comune dell’Italia oppure dentro l’agenda politica del Professore si nascondono le mission aziendali delle multinazionali che stanno dietro il Bruegel? Al seggio elettorale l’ardua sentenza.

http://www.ilfarosulmondo.it/wp/?p=10036
(1) http://www.bruegel.org/about/person/view/246-mario-monti/
(2) http://www.gotothinktank.com/wp-content/uploads/2012/01/2011GlobalGoToThinkTanksReport-UNEditionWITHOUTLETTER.pdf

Diapositiva1

VERONA

Annunci

7 thoughts on “Bruegel, l’influente lobby fondata da Monti

  1. non chi dice signore signore…………anche giuda faceva parte del collegio apostolico coraggio francesco il signore non delude la madonna ci otterra’ un tempo di pace stanne certo

  2. Stanto di tutte queste “cospirazioni” inutili.Per una volta che una parte della “comunità cattolica” entra a far parte della politica italiana per “cercare di fare qualcosa di buono” siamo pronti a cercare del “marcio” dappertutto.Per il momento abbiamo superato,con il sacrificio di tutti gli italiani il disastro finanziario(spread oltre 500 b.p.).Non so quale sia il male minore, ma il maggiore è sicuramente dar voce a tutte queste teorie.

  3. Guardate che nessuno vi inganni; molti verranno nel mio nome ……. Matteo 24(predizione degli ultimi tempi) anche gli altri vangeli sono circa così. Quindi non ci facciamo ingannare dalla parola cattolico. Anche se va a messa la domenica insieme alla moglie e i media ci tengono a sottolineare sempre queste immagini, non è una garanzia certa di salvezza . Preferisco usare la parola discepolo di Cristo perchè questa mi ricorda che devo cercare di comportare come lui desidera. Cari fratelli : le persone che fanno fatica ad arrivare alla fine del mese e soffrono per queste cose nella preghiera, le persone che continuano ad offrire preghiere per questo mondo e vivono sobriamente possiamo definirli cattolici (anzi meglio discepoli di Gesù Cristo) gli altri mi sembra che assomiglino di più ad adepti di satana. Continuamo a pregare perseverando nella fede e nella nostra vicinanza a Gesù a Maria al Santo Padre. Invochiamo spesso lo Spirito Santo su questa terra e vedremo sicuramente l’intervento di Dio su queste persone che fanno soffrire il mondo con questo sistema economico un caro abbraccio a tutti

  4. Sono d’accordo con te…confidiamo nell’aiuto di Dio perchè per il momento “altri” non rappresentano minimamente certi valori.Per questo giustamente mi chiedo solamente se non sia allora il “male” minore o se ci sia qualcosa di “buono”….Buona Domenica

  5. Mi è piaciuta questa riflessione di Bruno che trovo corretta: di questi tempi meglio il termine “discepoli” che “cattolico”.
    preghiamo gli uni per gli altri


  6. Meglio un “discepolo” di un “cattolico” sicuramente…dopo aver visto questo video sono ancora più convinto che il mio parere era il male minore.

I commenti sono chiusi.