Intervista ad Annalisa Colzi mensile “Medjugorje- La Presenza di Maria” Aprile 2011 – MARIA E’ LA STRADA PER SCONFIGGERE IL MALIGNO

Immagine della pagine del Mensile Madjugorie del 04 Aprile 2011

Annalisa Colzi, è nata a Montemurlo nel 1962, un comune toscano della pronuncia di Prato. Sposata, non ha figli. È consacrata nella Comunità dei Figli di Dio, una comunità monastica fondata da don Divo Barsotti, uno dei più grandi mistici

contemporanei scomparso nel 2006 a 92 anni. Annalisa scrive libri di forte contenuto, su temi che non trovano molto spazio abitualmente su stampa e televisione. Fin dai titoli di due suoi volumi si capisce la portata della sua preoccupazione: Come satana corrompe la società (2009) e Spiritismo, New Age, Maghi Sai Baba… (2010), entrambi editi da Città Ideale. Di sé stessa dice: “Non ho lauree e sono una scrittrice solo per volere di Dio…”.Il suo percorso spirituale l’ha riportata, (dico riportata perché già se ne occupava in gioventù), a trattare in maniera frontale argomenti che spesso sono ignorati come problema. Perché ha ripreso in mano la lanterna contro il Maligno?La risposta è semplice: perché pochi parlano di questa realtà. Quante volte ha sentito, anche nelle prediche domenicali, parlare di demonio, inferno, dannazione…? I Sacerdoti non ne parlano più, e i pochi che ne parlano vengono derisi. Nei seminari non se ne parla, nelle facoltà teologiche nemmeno; il Maligno – per i cattolici – è divenuto un argomento tabù. Eppure basta leggere il Vangelo per rendersi conto di quante volte Gesù lo combatta. Purtroppo oggi, va di moda parlare di solidarietà, di poveri, di emarginati, tutte cose buone e importanti, ma il messaggio di Gesù non si ferma a questo. San Giovanni, l’Apostolo prediletto, ce lo rivela: “Ora il Figlio di Dio è apparso per distruggere le opere del diavolo” (1 Gv 3,8). Ecco il primo compito del cristiano: sconfiggere con le armi della preghiera, della penitenza e della conoscenza gli attacchi del demonio.

Che spazio ha oggi satana negli ambienti giovanili? O meglio come si presenta?

Il Maligno è un grande seduttore. Egli conosce bene le sue prede e sa come affascinarle. D’altra parte la sua intelligenza gli permette di creare situazioni intriganti capaci di attirare nelle sua rete numerosi giovani. Basta pensare al fenomeno della musica. Oggi gli idoli di tanti giovani sono cantanti che promuovono, attraverso i loro testi e il loro tenore di vita la droga, 1’alcool, il sesso in tutte le sue forme. Io credo che proprio la sessualità, vissuta come pura e semplice trasgressione sia il cavallo di battaglia del Maligno. Diceva Sant’Alfonso Maria de Liguori: “Si va all’inferno o per il peccato d’impurità o comunque non senza quel peccato…”. E oggi assistiamo a un vero e proprio bombardamento mediatico che vuole “aiutare” i giovani e purtroppo anche i bambini a perdere la propria purezza.

Perché non si parla più del diavolo ai ragazzi?

Bella domanda. Mi piacerebbe molto rivolgerla ai Sacerdoti, ai catechisti, ai genitori. Lo sa che tipo di risposta mi darebbero? “Perché i ragazzi non si devono impaurire, bisogna parlargli solo della Misericordia di Dio…”; e così si continuano ad avere generazioni che ignorano certe tematiche. Oltre tutto, a livello teologico, è sbagliato presentare solo la Misericordia di Dio, perché la Misericordia di Dio va di pari passo con l’azione del Maligno. Altrimenti, mi dica lei, che senso avrebbe parlare di Misericordia? Che senso avrebbe parlare di Sacrificio della Croce? Gesù da che cosa ci avrebbe salvati?

La Madonna non teme di far vedere l’inferno a tre bambini a Fatima e non dice loro che l’inferno è vuoto, ma che “molti vanno all’inferno perché non c’è chi si sacrifichi per loro”. Ed è ancora la Vergine Maria ad avere portato Vicka e Jakov a vedere il paradiso, il purgatorio e l’inferno.

I genitori che invece vogliono preservare i loro figli dal discorso del demonio e dell’inferno sono poi quelli che l’inferno glielo fanno vivere su questa Terra, lasciandoli scorazzare tra i vari pericoli mediatici.

Annunci

3 thoughts on “Intervista ad Annalisa Colzi mensile “Medjugorje- La Presenza di Maria” Aprile 2011 – MARIA E’ LA STRADA PER SCONFIGGERE IL MALIGNO

  1. ciao annalisa, grazie di tutto. anch’io mi sono trovata molto spesso a parlare del diavolo e delle sue astuzie; ma piu’ volte ripresa perche’ Gesu’ e’ Misericordioso ecc.ecc.Invece l’azione del maligno c’e’ e soprattutto nelle piccole cose quotidiane.

  2. Ciao Annalisa,
    Medjugorje arriviamo, o meglio Maria Santissima, Madre di Dio e Madre nostra Arriviamo: 1 e 2 dicembre saremo la.
    Buon Avvento a tutti !!!
    Un caro devoto saluto a tutti.
    Per Mariam ad Iesum

    fra’ Gianni

  3. Il precedente post è andato via con la mail di Alessia, che scrive sul blog della scuola, che essendo dello stesso tipo mi ha scambiato per lei…Perdonatemi la disattentenzione.
    🙂 Per Mariam ad Iesum
    fra’ Gianni

I commenti sono chiusi.