Per la sua dolorosa passione…

1506648_765754336781498_266382847137616878_nOGGI, VENERDI’ 18 APRILE, INIZIA LA NOVENA DELLA DIVINA MISERICORDIA.

LEGGIAMO LE PAROLE CHE GESU’ DISSE SANTA FAUSTINA KOWALKA AL RIGUARDO E INIZIAMO CON FIDUCIA LA NOVENA PER TUTTI COLORO CHE SONO LONTANI DA DIO.

 

La Novena alla Divina Misericordia insegnata da Gesù

Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

 
Primo Giorno (Venerdì Santo)
“Oggi conducimi l’umanità intera e specialmente tutti i peccatori e immergili nell’oceano della mia Misericordia: con ciò mi consolerai dell’amara tristezza, in cui mi getta la perdita delle anime”.

Gesù misericordiosissimo la cui prerogativa è d’aver compassione di noi e di perdonarci, non guardare i nostri peccati, ma la fiducia che nutriamo nell’infinita tua bontà. Accoglici nella dimora del pietosissimo tuo Cuore, e non permettere che ne abbiamo ad uscire mai più. Te lo chiediamo per l’amore che ti unisce al Padre e allo Spirito Santo. Misericordia dell’Onnipotente che puoi salvare l’uomo peccatore, poiché Tu sei l’oceano dell’amore, soccorri chi
t’invoca umilmente. Eterno Padre, volgi il tuo sguardo di misericordia sopra l’intera umanità e specialmente sopra i peccatori, che sono rinchiusi nel Cuore infinitamente compassionevole di Gesù e, per la sua Passione dolorosa, mostraci la tua Misericordia, affinché cantiamo assieme, eternamente, la gloria dell’onnipotente tua bontà. Amen.

Recitare la Coroncina

All’inizio: Padre nostro, Ave Maria, Credo.
Sui grani del Gloria si recita la frase seguente:
Eterno Padre, Ti offro il Corpo e il Sangue, 1′Anima e la Divinità del tuo dilettissimo Figlio e Signore Nostro Gesù Cristo in espiazione dei nostri peccati e quelli del mondo intero.

Sui grani dell’ Ave Maria si recita la frase seguente:
Per la sua dolorosa Passione abbi misericordia di noi e del mondo intero.
Alla fine per tre volte: Santo Dio, Santo Forte, Santo Immortale, abbi pietà di noi e del mondo intero.

 

 

Video sconvolgente

Carissimi,

vi chiedo di guardare e divulgare questo breve filmato.

Purtroppo sono riuscita a mettere solo il link perchè non è presente su youtube, ma vale la pena di guardarlo e divulgarlo. E’ IMPRESSIONANTE, ve lo garantisco.

Condividetelo, condividetelo e, ripeto, condividetelo perchp Dio ci chiederà conto del nostro silenzio.

E nel guardarlo meditiamo sulla passione di Gesù che ogni minuto si ripete in queste piccole creature.

QUESTA E’ L’OPERA DEL MALIGNO CHE GRIDA ANCORA OGGI: CROCIFIGGILO.

facebook.com/photo.php?v=10202057372534656

Perchè non posso tacere

Originally posted on Il blog di Costanza Miriano:

Caffarra

Appello ai fedeli di Carlo Caffarra, arcivescovo di Bologna,  13 aprile 2014

Carissimi fedeli,

i fatti accaduti in questi giorni mi costringono in coscienza a dirvi alcune parole. Essi sono noti ai più.

La Corte Costituzionale ha dichiarato incostituzionale la proibizione della fecondazione umana eterologa. Un Tribunale ha riconosciuto la così detta maternità surrogata, cioè l’utero in affitto. Un altro Tribunale della Repubblica ha imposto all’anagrafe di un Municipio di trascrivere un matrimonio (si fa per dire) omosessuale. Questi i fatti.

View original 350 altre parole

Noah, due recensioni al confronto

di
Salvatore Di Fazio

Purtroppo sembra che, in generale, questo film non sia granché; si discosta molto dalla storia vera e la infarcisce con varie teorie/bugie hollywoodiane.

Il condizionale è d’obbligo in quanto personalmente non ho visto il film e, ammetto, che ero già scettico in partenza.
Guardando un pò di recensioni in giro ne ho trovate di veramente discordanti.

Una è quella di Famiglia Cristiana che potete trovare qui: http://www.famigliacristiana.it/articolo/esclusivo-il-biblista-recensisce-noah.aspx

L’autore è il biblista Alberto Bobbio secondo il quale:

IL MESSAGGIO È CHIARO. Insomma, dà il senso dell’Alleanza tra Dio e l’Uomo: «Dio non vuole più bene agli animali che agli uomini, non ci vedo un’ideologia ecologista. Il messaggio è chiaro:quando l’uomo si riconcilia con Dio perché capisce il significato della sua chiamata e vi risponde con passione, allora anche la natura fa festa.

Poi ho letto la recensione di Brian Mattson (dice di essere teologo, scrittore, etc, io non lo conosco); il quale, per riassumere, commenta così

Darren Aronofsky ha prodotto una rilettura della storia di Noè senza alcuna base nella Bibbia. È una rilettura totalmente pagana della storia di Noè, basata su fonti gnostiche e della Cabala. Per me non c’è alcun dubbio su questo.

La recensione intera potete leggerla su: http://www.aleteia.org/it/arte/contenuti-aggregati/la-chiave-segreta-gnostica-di-noah-che-tutti-si-sono-persi-6371487715950592?page=1

Qualcuno ha visto il film?

Vampiri e sette sataniche, storie nere dalla settimana

Mentre Pasqua si avvicina e l’Italia intera si prepara a celebrarla con riti antichi a metà tra sacro e profano, i giornali locali questa settimana ci hanno raccontato storie di sette, ostie sconsacrate e addirittura gruppi di vampiri che sembrano appartenere più al Medioevo che all’Italia del 2014.

In Veneto pare che esista una setta che si ispira al vampirismo e che, come rito di iniziazione, fa bere del sangue umao ai nuovi adepti. Da Il Mattino di Padova:

Qualcosa accade, nelle notti del Veneto. Qualcosa che la luce del giorno non riesce a portare del tutto allo scoperto: chi sa che quel qualcosa c’è, ne indaga il senso, ne segue i confini.

E così, si sa che alla zona di Preganziol fanno riferimento alcuni aderenti alla setta dei Bambini di Satana; nella parte orientale della provincia di Treviso, e lungo il litorale veneziano, esiste invece un gruppo di adepti a una setta che si ispira al vampirismo e che, fino a qualche tempo fa, aveva come base un vecchio edificio abbandonato. Il capo della setta, secondo le segnalazioni raccolte, fa entrare nel gruppo anche ragazzi giovanissimi: nel rito di iniziazione, devono bere il sangue del loro capo. È questo l’atto distintivo del gruppo.

Non è un gioco di ruolo, non sono fantasie di uno spettatore reduce dall’ultimo film sui vampiri: è la relazione del professor Giuseppe Bisetto, studioso di culti religiosi, membro del gruppo di lavoro del ministero dell’Interno per la prevenzione di episodi che possano turbare le celebrazioni religiose. Ne ha parlato pubblicamente l’altra sera a Oderzo, a un convegno organizzato dal Lions club cittadino sul tema “Occultismo e satanismo.” Con lui, c’erano anche alcuni sacerdoti tra i quali don Michele Favret della diocesi di Vittorio Veneto, monsignor Sante Dametto e don Angelo Pederiva parroci di Oderzo e di Gorgo al Monticano. CONTINUA A LEGGERE

Continua a leggere

Vittime di un sistema dorato

ARTICOLO TRATTO DAL DAILY MAIL E TRADOTTO DALLA NOSTRA AMICA ANGELA

article-2599517-1CEF8DE400000578-483_306x451Da Scientology al culto libertino “Ordo Templi Orientis ( OTO )” : come Peaches era ossessionata da studi occulti e spirituali.
- Peaches era devota al culto religioso guidato da Aleister Crowley
- Aveva l’acronimo della setta, OTO, tatuato dentro a un cuore sul braccio destro
- Tre settimane prima ha tweettato la foto di ripiani pieni delle opere di Crowley
- Crowley scrisse “The Life Of A Drug Fiend And Magick, Theory And Practice”
- La famiglia della venticinquenne era spaventata dal suo interesse per la misteriosa setta
Mentre sembrava che Peaches avesse sconfitto i suoi demoni della droga, subiva il fascino dell’occulto, in particolare di una misteriosa setta chiamata OTO, che preoccupava i suoi famigliari.
Appena tre settimane fa, Peaches, twittava la foto di scaffali pieni di opere di Aleister Crowley, il fondatore inglese di Ordo Templi Orientis (OTO).
Ha anche postato la foto che ritrae un libro di Crowley (The Life Of A Drug Fiend And Magick, Theory And Practice) lodandolo come “splendido scrittore e pensatore”.
Il suo interesse per OTO arrivava dopo precedenti suggestioni dal culto di Scientology, e del Giudaismo (religione di suo marito Thomas Cohen).
Crowley, che si è definito come “la Grande Bestia, 666” ed era stato soprannominato “l’uomo più perverso del Mondo”, si crogiolava in rituali sessuali sadomaso con uomini e donne e nell’uso di droghe pesanti tra cui oppio, cocaina, eroina e mescalina.
Peaches, che si era tatuata un cuore con dentro la scritta OTO sul braccio destro, si dice, cominciò ad interessarsi alle religioni occulte durante il suo breve matrimonio con il musicista Max Drummey, quando aveva 19 anni.
Allo stesso tempo, nutriva interesse per Scientology dopo averne parlato con l’attrice Katie Holmes (a quel tempo sposata con Tom Cruise).
Diceva di aver visitato i centri di Scientology a New York, prima di perdere interesse per il culto.
Recentemente, Peaches, il cui marito è ebreo, ha sviluppato interesse per l’ebraismo.
Mentre il matrimonio con Drummey fallì, l’interesse di Peaches per gli insegnamenti di Crowley persisteva, e incoraggiava coloro che la seguivano online a leggere i suoi libri “super-interessanti”, ciò preoccupava la sua famiglia.
Lo scorso anno la fidanzata di suo padre, l’attrice Jeanne Marine, a proposito dell’interesse di Peaches per il culto disse: “non si sa se è qualcosa di passeggero o se è qualcosa di duraturo. Il fatto è che i giovani cambiano idea facilmente”.
Ha detto che né lei né Bob Geldof sapevano nulla del culto, ma ha detto che il fatto che Peaches si fosse tatuata il nome della setta sulla sua pelle indicava che il suo interesse non era qualcosa di passeggero.
Si dice che OTO sia stato portato in Gran Bretagna dall’Europa nel ventesimo secolo da Crowley, un infame tossicodipendente, drogato occultista.
Crowley, si dice abbia mostrato zanne come denti, che bevesse sangue e inscenasse orge alimentate da droga, ed è stato ampiamente criticato per essere in “rivolta contro i valori morali e religiosi del suo tempo”.
Ha fondato la religione Thelema, che si basava sull’idea del libero arbitrio e organizzava gli insegnamenti dell’OTO intorno agli stessi principi.
Uno dei suoi libri, “The Diary Of A Drug Fiend”, era tra quelli nella foto dello scaffale di Peaches.article-2599517-1CEA64C600000578-832_306x423
I seguaci di Crowley, tuttavia, dicono fosse un pensatore e scrittore molto influente nel campo dell’esoterismo occidentale, nel 2002 la BBC lo ha classificato 73esimo nella loro lista dei più grandi britannici di tutti i tempi.
Il 16 Marzo, Peaches postò una foto del libro di Crowley con accanto lo slogan “fa ciò che vuoi”, principio centrale della legge filosofica di Thelema, su cui si basa OTO.
Quando uno dei suoi followers le chiese se Crowley, morto nel 1947, fosse un satanista, Peaches rispose dicendo: “no, non ha nulla a che fare con le idee cristiane come Satana o Gesù, per niente”.
E quando anche altri hanno fatto riferimenti poco carini, lei saltò a sua difesa dicendo: “tutto quel che dicono su di lui, che fosse un simpatizzante nazista e razzista, sono bugie create dalla stampa che lo odiava”.
“Ha anche detto cose controverse/polemiche solo per sovvertire le percezioni che la gente ha di lui a causa dei media”.
Se leggete i suoi lavori, lo mette abbondantemente in chiaro.
Il suo lavoro nell’OTO era a dir poco miracoloso ed era un grandissimo pensatore, scrittore, mago.
Altre celebrità legate all’OTO includono il rapper Jay-Z, che è stato visto indossare magliette con lo slogan “fa ciò che vuoi”, e il chitarrista dei Led Zeppelin, Jimmy Page.
Lo scorso anno il capo dell’OTO in Gran Bretagna, John Bonner, 63 anni, ha detto che i suoi seguaci sono migliaia.
Ha detto: “siamo abituati nell’essere fraintesi. Molte storie di Crowley, come quella di aver le zanne, sono sciocchezze”.
“Potreste chiamarci un culto del sesso in un certo senso, perché riconosciamo, accettiamo e adoriamo l’intero processo che rende tangibile l’intangibile”.
I devoti di OTO dicono che può richiedere anni di studio comprendere la religione, qualcosa che il Sig. Bonner che vive in Sussex, ha riconosciuto.
Dice: “non dovete supporre che basta solo saltarci dentro. Richiede tempo e studio, ma i nostri rituali non sono per un consumo pubblico. Bisogna unirsi a noi e passare attraverso il processo di iniziazione prima di poter iniziare a capire”.
“Secondo le nostre credenze non possiamo cacciare nessuno. Quindi se siete diciottenni, abbastanza sani/equilibrati e liberi di partecipare a iniziazioni, allora avete un innegabile diritto ad appartenervi”.

http://www.dailymail.co.uk/news/article-2599517/From-Scientology-libertine-cult-Ordo-Templi-Orientis-OTO-How-Peaches-obsessed-occult-spiritual-study.html

article-2599517-1CEA63C500000578-111_634x379

Il Papa visto dai mass media

OGNI CATTOLICO STIA BENE IN GUARDIA DALL’OPERATO DEL NEMICO
NEI CONFRONTI DELLE AFFERMAZIONI DI PAPA FRANCESCO

di Sergio Russo

papa_francesco_assisi_bergoglio_2_1Una delle ultimissime cose che disse Benedetto XVI prima del suo ritiro fu questa: «State molto attenti ai mass media, perché distorcono le cose» (magari non proprio così alla lettera, come la riporto io).
E questo suo avvertimento, personalmente, l’ho sempre considerato quasi come un suo particolare “lascito spirituale”.
Con Papa Francesco infatti, il Nemico ha puntualmente messo in atto questa sua precisa strategia: egli ben conosce il punto debole dei Cattolici convinti (i cattolici tiepidi non gli interessano, li ha già in suo potere). Satana oggi sta attaccando il “calcagno” della Chiesa (i cristiani mariani, il “piccolo gregge”, il “piccolo resto” …) poiché ne ha una paura tremenda: sono essi infatti che gli schiacceranno la testa. Questi “terribili” (per il Nemico, ovviamente) apostoli dei nostri tempi vanno sempre al bandolo della (demoniaca) matassa, scoprendone le insidiose trame, con quel loro “ribattere punto per punto”.
Veniamo al dunque: dei tanti discorsi che oramai pronuncia Papa Francesco (soprattutto a braccio) i media riportano delle sue ben precise frasi le quali – realmente pronunciate dal papa – mancano sempre: o di ciò che le precede, o di altre frasi molto importanti che lui pure ha detto, oppure sono molto enfatizzate delle semplici battute (lui cerca di farsi intendere anche dal cosiddetto uomo della strada) come fossero dei veri pronunciamenti pontifici o delle “strabilianti” innovazioni magisteriali.
Oggigiorno il Nemico sta lavorando contemporaneamente su due fronti (tipico della sua natura “bifida”): sta cercando di “delegittimare” questo Papa presso coloro che hanno ben chiaro che la Chiesa Cattolica si fonda su “tre colonne” (Eucarestia, Madonna, Papa) e allo stesso tempo, il Nemico, sta creando la figura di un “falso papa”, presso coloro che sono lontani dalla fede: un pontefice che apprezza tante cose che il mondo stima, che scusa il peccato, che desidera una chiesa “povera”, che non vuole “trionfalismi”, e via discorrendo.
Veniamo al caso concreto: nella “Intervista di Papa Francesco con alcuni giovani del Belgio (31 marzo 2014), 05.04.2014” l’aver riportato solamente la frase: “Testimoniare con semplicità. Perché se tu vai con la tua fede come una bandiera, come le crociate, e vai a fare proselitismo, quello non va” è proprio il classico “bel colpo” messo a segno dal Nemico, di modo che il buon cattolico si scandalizzi ed incominci a pensare “la Barca di Pietro cola a picco! Il Papa non rappresenta più Cristo, ecc.” e contemporaneamente la persona non credente cominci a dire “avevo ragione io sulle crociate! La fede non si può imporre, ecc.”
Veniamo adesso alla dimostrazione per punti che il Papa non è improvvisamente diventato “eretico”, ma che sta impartendo un insegnamento a delle persone, cercando di farsi capire “al meglio”:
1° – Come regola generale prendere sempre il discorso ufficiale riportato da fonte autorevole e non da altre fonti (in questo caso:
http://press.vatican.va/content/salastampa/it/bollettino/pubblico/2014/04/05/0241/00544.html ), così dal contesto si comprende che il Papa sta cercando di far capire ad un giovane che – come dice san Francesco – il concetto “la predica convince, ma l’esempio trascina”.
2° – La suddetta intervista è solo una “trascrizione” (già perdiamo dei pezzi per strada!) di una serie di domande poste in inglese (ma i giovani parlano il fiammingo) a cui il Papa risponde in italiano (la sua lingua madre è però lo spagnolo, lo sappiamo tutti) ed in più c’è una traduttrice (ma in che lingua?), aggiungiamo pure che qualche giovane presente non è neppure credente (però quanti sono non si capisce bene).
3° – Il Papa nell’intervista, fra le altre cose, dice anche: “Sono cacciati via i bambini – non vogliamo bambini, ne vogliamo di meno, famiglie piccole: non si vogliono i bambini. Sono cacciati via gli anziani: tanti anziani muoiono per una eutanasia nascosta, perché non si ha cura di loro e muoiono. E adesso sono cacciati via i giovani.” Ma questa frase il Nemico non ha interesse a sottolinearla, troppo contro corrente (a quello che lui sta già operando nella società). Inoltre – apriti cielo! – il Santo Padre a un certo punto dice: “E parlo con Dio: “Fai sempre un’ingiustizia: perché a questo e a me no?”. E io trovo Dio in questo, ma sempre nel dialogo.” Una frase così però – detta dal Papa in persona – il Nemico la ritiene “troppo forte”, se egli la riportasse comincerebbero a dire: “Un Papa che accusa Dio di ingiustizia? Andiamoci a rileggere l’intero discorso, cosa voleva dire in realtà?” Il Nemico non vuole che si leggano i discorsi attentamente, cercando di capirli (forse quella frase la porrà in evidenza, naturalmente isolata dal contesto, un’altra volta che gli farà comodo, proprio lui, che è il “grande estrapolatore”!).
4° – Anche se riportata dal sito vaticano, questa intervista non è certo il massimo della chiarezza espositiva! Tanto è vero che alla 15esima domanda Papa Francesco dice: “Ecco, adesso capisco la radice della domanda. Testimoniare con semplicità. Perché se tu vai con la tua fede come una bandiera, come le crociate …” (con quel che segue): dunque, è finalmente alla sua terzultima risposta che il Papa ha capito la domanda (sic!) che volevano fargli (andiamo bene …).
5° – Concludo osservando che un vero gesuita (ed il Papa stesso accenna a questo nell’intervista) è anche un vero figlio del proprio Fondatore: ma a voi che leggete, vi viene in mente un altro Santo che sia più combattivo o sostanzialmente “crociato” fin nelle midolla di sant’Ignazio? Francamente a me non viene in mente nessun’altro che al pari di sant’Ignazio di Loyola avesse a cuore il vero “trionfalismo” della Chiesa, fondando la Compagnia di Gesù, eccellente espressione di un cristianesimo combattivo e militante!

Dunque non cadiamo nella trappola dell’astuto nemico, poiché si avvicinano tempi in cui il Sommo Pontefice avrà bisogno di chiamare in suo aiuto i cattolici convinti (le cui fondamenta sono sulla roccia, anche quella di Pietro). Non voglia il Signore che ci trovi schierati con l’esercito che lo schernisce, lo critica e perseguita nella figura del Suo Vicario!